Bonus acqua per percettori di Reddito di cittadinanza: ecco come averlo

-
18/01/2020

Bonus acqua spetta anche ai percettori del reddito di cittadinanza dal 1 gennaio 2020. E’ possibile presentare domanda dal 1 febbraio.

Bonus acqua per percettori di Reddito di cittadinanza: ecco come averlo

Dal 1 gennaio 2020 il Bonus acqua viene esteso anche ai titolari  di reddito di cittadinanza prevedendo, tra l’altro, anche uno sconto maggiore nella bolletta. Dal 2021, poi, il bonus acqua sarà automatizzato e non ci sarà, quindi, neanche più il bisogno di presentare la domanda per riceverlo.

Bonus acqua e reddito di cittadinanza

Il Bonus acqua, grazie a quanto contenuto nel decreto fiscale 124 del 2019, ha visto aumentare il suo valore dal 1 gennaio 2020 estendendo la riduzione non solo sui consumi dell’acqua ma anche ai servizi di depurazione e fognatura.

Come abbiamo anticipato da gennaio 2020 potranno aver diritto al bonus acqua anche i percettori di reddito di cittadinanza (così come già accade per il bonus gas e per quello elettrico) ma, ancora per quest’anno è necessario presentare domanda per beneficiarne. La domanda può essere presentata a partire dal 1 febbraio 2020.

Il bonus, secondo le stime, porterà per una famiglia con consumi medi, un risparmio di circa un terso delle spese annue sostenute per l’acqua, la depurazione ed il servizio di fognatura.

Per poter accedere al bonus è necessario avere un Isee non superiore a 8265 euro annui (il limite Isee, però sale a 20mila euro se il nucleo familiare ha 3 figli fiscalmente a carico). Per le condizioni di accesso consultare quelle previste per il bonus elettrico, visto che i requisiti sono gli stessi.Bollette acqua luce e gas: chi ha diritto al bonus sociale, tutte le informazioni

Come presentare richiesta?

Come abbiamo già detto la domanda per fruire del bonus acqua va presentata dal 1 febbraio 2020 al proprio Comune di residenza insieme alla domanda per poter fruire del bonus energia elettrica e del bonus gas. Per chi ha un contratto diretto lo sconto verrà applicato direttamente in bolletta mentre per chi è utente indiretto (nel caso quindi la bolletta dell’acqua venga pagata direttamente dal condominio) il bonus verrà erogato in un’unica soluzione o su conto corrente o con assegno circolare non trasferibile.

Chi, quindi, pensa di essere in possesso dei requisiti per poterne fruire dovrà presentare apposita domanda come sopra illustrato.
Si ricorda, poi, che dal 1 gennaio 2021il riconoscimento del diritto al bonus acqua, gas ed elettrico avverrà in automatico, senza il bisogno di dimostrare di essere in possesso dei requisiti e senza dover presentare apposita domanda.


Leggi anche: Fondo imprese in difficoltà: domande in riapertura