Bonus baby sitter 600 euro: con il Pin Inps le domande in ordine cronologico

-
26/03/2020

I lavoratori potranno accedere al bonus baby sitter del valore di 600 euro, come opzione al congedo parentale straordinario. Ecco gli aiuti diretti ai lavoratori.

Bonus baby sitter 600 euro: con il Pin Inps le domande in ordine cronologico

I lavoratori possono richiedere il bonus di 600 euro per la copertura delle spese di baby sitter, previste come strumento che vada a compensare la sospensione delle attività didattiche della scuola di ogni ordine e grado. In particolare, la misura di sostegno si rivolge alle famiglie con minori di anni 12. Il lavoratore come opzione al congedo parentale può fruire del rimborso per baby sitter. Tale misura può essere richiesta dai dipendenti privati, lavoratori autonomi e iscritti alla Gestione separata.

I lavoratori dipendenti appartenenti alla categoria del comparto sanitario pubblico o privato (accreditato SSN) possono fruire di un bonus del valore fino a mille euro. L’INPS nella circolare n. 44 del 24 marzo, ha chiarito che le domande seguiranno un ordine cronologico. Ciò significa che il bonus non sarà devoluti a tutti i lavoratori.

Chi può richiederlo?

Concorrono alla presentazione della domanda del bonus i lavoratori privati e pubblici, lavoratori autonomi e iscritti alla Gestione separata. In presenza di genitori (lavoratori) separati il bonus spetta al genitore convivente con il figlio. Nel caso di più figli minori di anni 12 il bonus non subirà alcun aumento. Il limite dell’età non viene applicato nel caso di disabilità grave.

Il bonus è cumulabile con il congedo parentale? No, è incompatibile con i 15 giorni di congedo straordinario retribuito. Ciò significa che se il lavoratore ha richiesto il congedo la domanda del bonus sarà respinta dall’Istituto. Non subisce penalizzazione la domanda presentata dagli iscritti alla Gestione separata o autonomi, per queste categorie di lavoratori l’INPS procede con l’accettazione della richiesta.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?

Come presentare la domanda? L’istanza può essere inoltrata all’INPS attraverso vari canali, quali:

  • dal sito dedicato all’Istituto in forma telematica;
  • al numero verde 803164 da rete fissa, oppure, allo 06/164164 rete mobile;
  • attraverso il Patronato (servizio gratuito).

L’Istituto chiarisce che superato il limite di spesa disponibile le domande resteranno in stand by in attesa di risorse successive.

Come utilizzare il bonus?

Il lavoratore per fruire del bonus dovrà richiedere il libretto famiglia, rilasciato dall’Inps previo iscrizione alla piattaforma dell’Istituto alla voce prestazioni occasionali. Il bonus verrà ripartito in voucher virtuali del valore di 10 euro l’ora. La baby sitter potrà riscuoterlo attraverso la procedura telematica.

Video Bonus baby sitter