Bonus casa, detrazioni al 65% e al 50%, ci sarà la proroga nella legge di Bilancio 2019, le novità

Con la legge di Bilancio 2019, non è ancora chiaro quali saranno le conseguenze sui vari bonus casa, se continueranno ancora, permettendo agli italiani di risparmiare un po’ di soldi o subiranno delle variazioni. Poiché in queste ultime settimane ci sono state delle indiscrezioni al riguardo, vediamo, quali sono le previsioni.

Bonus casa 2019: le previsioni

Ad oggi non c’è ancora niente di certo, ma possiamo basarci su delle dichiarazioni rilasciate dal presidente della commissione industriale del Senato, Gianni Girotto, del Movimento 5 stelle. Egli ha dichiarato che l’intenzione del Governo è quello di invece prorogare annualmente i bari bonus casa, prorogarli per almeno tre anni, quindi fino al 2021. Ottima notizia, ma dobbiamo sempre aspettare che la legge di bilancio venga approvata. Un’altra delle possibili novità potrebbe essere l’introduzione di un ‘ecoprestito’, cioè un prestito garantito dallo Stato che consentirà anche a chi non ha liquidità necessaria di accedere alle detrazioni. Ma anche per per questa novità dobbiamo aspettare che le cose siano ufficializzate.

Bonus casa 2019: cosa cambierà?

Molti esperti del settore, invece, prevedono una forte sforbiciata ai vari bonus, come ad esempio la deduzione, di nuovo, dal 50% dell’attuale detrazione si ritornerebbe al 36% con un tetto di spese fissato a 48 mila euro. Si tratta comunque sempre di previsioni.

Si sa infatti che il Governo deve fare cassa per affrontare tutte le promesse fatte in campagna elettorale, e quindi si sta pensando di tagliare qualcuno delle centinaia di bonus che l’italiano usufruisce. Già si è parlato del taglio sui tassi passivi dei mutui, sui rimborsi per le spese sanitarie. Possiamo dire, però, che per ora nessuno ha ancora parlato di una possibile taglio ai bonus casa, quindi pensiamo ad una possibile proroga.

Detrazioni a rischio per mutui e spese mediche, nella legge di Bilancio 2019

I bonus per la casa in vigore per il 2018

Vediamo quali sono i bonus casa in vigore fino al 31 dicembre 2018, poiché non vi è nulla di certo, chi ha la possibilità ne potrebbe approfittare.

Bonus: Ecobonus

L’ecobonus prevede una detrazione del 65% sugli interventi per  riqualificare l’edificio al livello energetico.

La detrazione, consiste in 10 rate di importo uguale. L’Ecobonus si può richiedere per i seguenti interventi:

  • riqualificazione energetica di edifici esistenti
  • interventi sull’involucro degli edifici
  • installazione di pannelli solari

Per interventi come la sostituzione degli infissi e di schermature solari la detrazione è del 50%.

Ecobonus, le detrazioni fiscali subiscono dei tagli: ecco tutte le novità

Bonus zanzariere 2018: ecco come ottenerlo e tutte le novità

bonus zanzariere

Bonus ristrutturazioni

Il bonus ristrutturazione prevede una detrazione del 50% sull’importo speso, fino ad un massimo di 96mila euro. O può richiedere i proprietari delle abitazioni, i nudi proprietari, anche chi è titolare di un diritto reale di godimento, e i locatari o comodatari. Il bonus ristrutturazioni può essere richiesto anche per lavori condominiali, e saranno i condomini ad usufruire dell’agevolazione in base alla propria quota.

Agevolazioni sulle ristrutturazioni edilizie, tutte le novità 2018 (guida)

Bonus mobili

Il bonus mobili consente una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Bonus mobili 2018: chi può farne richiesta e quando

Bonus verde

Il bonus verde prevede una detrazione del 36% per lavori che riguardano i giardini condominiali per renderli più vivibili, ima anche per giardini privati per renderli funzionali. Il tetto massimo di spesa su cui si può chiedere la detrazione è fissato a 5mila euro.

Bonus verde 2018: chi ne può usufruire e per quali interventi

Bonus caldaia

Il bonus caldaia dà il diritto ad uno sconto a chi sostituisce l’impianto di climatizzazione invernale. La detrazione è del 65% o del 50% secondo il tipo di caldaia che si intende installare.

Caldaia obsoleta? Ecco gli incentivi fiscali per sostituirla

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.