Bonus commercianti dal 1° gennaio 2019, non per tutti, ecco perchè

Il bonus commercianti dal 2019, chiamato anche “rottamazione licenza commerciale”, ma non per tutti, ecco i requisiti richiesti.

Il bonus commercianti diventa strutturale dal 1° gennaio 2019, chiamato anche “rottamazione licenza commerciale” è una sorta di pensione commercianti. Questa misura nasce nel 2009, prorogata ogni anno tranne nel 2017 e 2018.  L’Inps ha pubblicato le istruzioni e i chiarimenti per sull’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale con la circolare numero 77 del 24 maggio 2019.

I requisiti per accedere al bonus commercianti –  Indcom

Possono accedere i commercianti che hanno i seguenti requisiti:

  • uomini almeno 62 anni di età anagrafica, donne 57 anni;
  • i lavoratori devono essere iscritti, al momento della cessazione dell’attività, da almeno cinque anni, anche non continuativi, alla Gestione dei contributi previdenziale degli esercenti attività commerciali;
  • bisogna aver cessato l’attività commerciale a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Le criticità e le ingiustizie, sono subentrate per i commercianti che hanno chiuso l’attività nell’anno 2017 – 2018, in quanto la normativa non prevede la retroattività; un’ingiustizia per tanti. Il nostro intento come redazione sarà quello di diffondere il più possibile le testimonianze dei commercianti beffati da questa norma. Abbiamo raccolto le storie di chi vive e combatte per far valere i propri diritti. 

Pensione e indennizzo: non si può morire due volte, la normativa esclude il 2017 e 2018

Ex commerciante: domanda Indcom respinta per motivi amministrativi (oscuri e misteriosi)

Salve, sono un ex commerciante, ho 59 anni e 40 anni di contributi versati e sto versando i contributi volontari al fine di arrivare alla pensione di anzianità contributiva, per le donne 41 anni e 10 mesi, senza dover aspettare la pensione di vecchiaia a 67 anni. Al 31/12/2017 io e mio marito abbiamo chiuso la nostra macelleria in quanto mio marito ha avuto problemi di salute che non gli consentivano di continuare un lavoro tanto faticoso e si sa, la salute viene prima di tutto. Quindi, ad oggi siamo andati avanti usando i nostri risparmi. Mio marito ha avuto l’opportunità, da questo mese, di andare in pensione con quota 100.

Troppo giovane per andare in pensione, troppo avanti con l’età per il mondo del lavoro

Io invece, avrei i contributi per quota 100 ma sono troppo giovani, ho 59 anni mentre ne occorrono 62. Una sera, navigando su Internet, ho scoperto per caso, perché nessuna associazione mi aveva informato, che era stato reintrodotto l’indennizzo per la rottamazione delle licenze. Soddisfatta mi sono andata a leggere i requisiti necessari per poter usufruire di tale indennizzo. Li ho proprio tutti, sia ora sia al momento della chiusura. Il comma 283 dell’articolo 1 della legge di stabilità parla della reintroduzione dell’indennizzo dal 1/1/2019 ma una maledetta circolare Inps, la n. 77 emessa il 24 maggio ci nega l’accesso, anche se, nemmeno nella circolare è citata l’esclusione di tali anni. Nel frattempo, ho fatto domanda in data 30 maggio 2019 e ieri, entrando con il mio Pin sull’app di Inps, ho scoperto che era stata rifiutata per MOTIVI AMMINISTRATIVI (oscuri e misteriosi). Comunque, insieme al gruppo Facebook io andrò avanti con la battaglia. Ringraziandovi sentitamente porgo i saluti.

Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”