Bonus di 500 per liquidità ai commercialisti: i requisiti per richiederlo

-
09/04/2020

Bonus di 500 euro ai commercialisti che hanno chiesto un prestito o intendono chiederlo, ecco i requisiti richiesti.

Bonus di 500 per liquidità ai commercialisti: i requisiti per richiederlo

In questo periodo di pandemia da coronavirus, al via una nuova misura per sostenere la liquidità dei propri iscritti alla cassa di previdenza dei commercialisti. La misura prevede contributi assistenziali per chi ha attivato o intende attivare un finanziamento che va in modo retroattivo dal 23 febbraio alla fine dell’anno 2020.

Bonus di 500 euro per i commercialisti

Il contributo non è per tutti, è riservato ai professionisti che hanno un reddito inferiore a 50mila euro. Possono fare richiesta anche gli studi associati o società tra professionisti colpiti dall’emergenza coronavirus.

Si tratta di un bonus di 500 euro per coloro che intendono o hanno già contratto un prestito minimo di 10mila euro. Se il finanziamento è superiore a 10mila, fino a 30mila euro, la cassa di previdenza dei commercialisti aggiungerà dell’1% l’importo richiesto.

Sono ammessi gli importi di prestito maggiori, ma il contributo resterà fisso.  

Misura prevista per fronteggiare la carenza di liquidità

Per questa misura la Cassa professionale ha stanziato circa 15 milioni, nei prossimi giorni saranno disponibile sul sito i moduli e le istruzioni per presentare domanda.

Walter Anedda, presidente della Cassa dottori commercialisti, spiega: Dopo aver prorogato la sospensione dei versamenti sino al 31 ottobre, con questa iniziativa puntiamo a supportare l’accesso al credito dei colleghi in difficoltà, garantendo loro un aiuto, compensando il costo di ricorso al prestito bancario, nell’ottica di preservare la propria attività”

E aggiunge che la misura è stata prevista per fronteggiare la mancanza di liquidità, nell’ottica di preservare anche la capienza per nuovi interventi che metteremo in atto fra qualche mese, anche avendo la consapevolezza che molti studi professionali l’effetti negativi della pandemia si verificheranno nel futuro.

Leggi anche: Banche: per la liquidità serve l’Ok della Ue, difficoltà per le imprese indebitate