Bonus figli straordinario fino a 14 anni: esiste oppure no?

-
17/08/2020

L’assegno per i figli fino a 14 anni, anche se promesso, non è mai stato attuato. Al suo posto, però, nel 2021 entrerà in vigore l’assegno universale per i figli.

Bonus figli straordinario fino a 14 anni: esiste oppure no?

Molto spesso quando gli esponenti politici fanno promesse queste ultime anche se poi non vengono attuate entrano comunque nell’immaginario collettivo come un qualcosa di certo. E’ quando accaduto per il bonus per i figli annunciato e promesso nel corso della quarantena e poi mai attuato. Al suo posto sono state inserite nel Decreto Cura Italia e nel Decreto Rilancio altre misure per sostenere la genitorialità, come il bonus baby sitter e il congedo straordinario COVID che hanno dato la possibilità ai genitori di accudire o far accudire i figli durante la chiusura della scuola e della didattica online.

Bonus figli straordinario

Buongiorno. Vorrei sapere se è uscita la domanda per richiedere il bonus figli straordinario fino a 14 anni. Grazie

Il bonus figli fino a 14 anni, anche se molti ne hanno scritto perchè annunciato, non è mai stato inserito nei decreti di emergenza e, quindi, non è possibile presentare domanda per poterlo ottenere.

Al suo posto, però, nel Family Act è stata inserita una misura molto simile a quella annunciata che riguarda, però, tutti i figli dalla nascita fino al compimento dei 21 anni: l’assegno universale per i figli.


Leggi anche: Canone RAI ancora in bolletta: chi deve pagarlo e come chiedere l’esenzione

Questa misura, da quanto detto, dovrebbe entrare in vigore già dal prossimo gennaio e riguarderà tutte le famiglie che hanno figli di età inferiore ai 21 anni a carico. Al contrario dell’altro bonus figli, questo è stato inserito in una legge che ha già ottenuto l’approvazione della Camera dei Deputati,

L’assegno universale per i figli dovrebbe essere composto da due quote:

  • una sara riconosciuta a tutte le famiglie con figli indipendentemente dal reddito (e proprio per questo sarà un assegno universale)
  • una, invece, sarà variabile calcolata sull’Isee della famiglia richiedente.

Questa misura per i figli, tra l’altro, sarà erogata anche agli incapienti e alle partite IVA a differenza dell’attuale assegno al nucleo familiare che si percepisce per i figli a carico.

Dal terzo figlio l’assegno prevede una maggiorazione riconosciuta, però, solo fino al compimento dei 18 anni. L’assegno, infatti, sarà in misura intera per i figli solo fino al compimento della maggiore età e spetterà in forma ridotta per i figli con età compresa tra i 18 ed i 21 anni.


Potrebbe interessarti: Esonero contributivo Inps 2021 per partite Iva: cos’è, come funziona e come fare domanda