Bonus gomme 2022: verso 200 euro di incentivo

-
24/03/2022

Bonus gomme 2022: verso 200 euro di incentivo

Bonus gomme 2022 da 200 euro in favore degli automobilisti. La proposta si concretizza attraverso tre emendamenti proposti da Lega, Forza Italia e Movimento 5 Stelle. Di fatto si tratta di ipotesi di legge identiche e che puntano a garantire un aiuto in favore di coloro che si doteranno di pneumatici con bassa resistenza al rotolamento. L’obiettivo sarebbe duplice e rivolto anche al lungo termine.

Infatti, da un lato questo genere di pneumatici è in grado di consentire un risparmio sui consumi di carburante. Dall’altro lato potrebbe aiutare a garantire una minore emissione di Co2 e di altri agenti inquinanti. L’ipotesi normativa prevede quindi di stanziare circa 20 milioni di euro per il 2022, legando il beneficio all’acquisto di pneumatici in classe A o B. Il nuovo bonus sarebbe disponibile fino a esaurimento delle risorse e potrebbe garantire uno sconto in favore di 100mila automobilisti.


Leggi anche: Bonus condizionatori 2022: requisiti, come averlo e come funziona

Bonus gomme 2022: come funziona l’agevolazione

Ma come potrebbe funzionare il nuovo bonus gomme 2022? Nel caso in cui la proposta andasse a buon fine, gli automobilisti potrebbero beneficiare di un bonus del valore di 200 euro finalizzato al cambio delle gomme auto. Nelle pieghe della proposta di legge si evidenzia che il buono potrà essere utilizzato per “l’acquisto e il montaggio di quattro pneumatici di classe C1”.

La categoria fa quindi esplicito riferimento al Regolamento CE 661 del 2009. I buoni non sarebbero però erogati in modo indiscriminato, perché le gomme dovranno avere un’etichetta di classe A o B rispetto alla resistenza al rotolamento. Mentre anche i risparmi sul consumo di carburante dovranno adeguarsi al regolamento UE 740 del 2020. Insomma, in caso di approvazione il beneficio potrà essere utilizzato solo per l’acquisto di gomme molto specifiche.

Nuovo bonus gomme: cosa potrebbe cambiare per gommisti e automobilisti

Per gli automobilisti che devono già effettuare il cambio gomme, il nuovo bonus si potrebbe presentare come l’occasione per accedere a prodotti di qualità superiore a un budget contenuto. In aggiunta, i bonus non costituirebbero reddito imponibile aggiuntivo per il beneficiario, così come avviene già per altre indennità erogate dallo Stato.

I gommisti potrebbero invece sfruttare l’occasione per sostenere il proprio giro d’affari, beneficiando indirettamente dell’agevolazione. Il rivenditore potrà infatti chiedere il rimborso del valore del buono utilizzato dall’automobilista entro 120 giorni dalla data di emissione della documentazione fiscale.


Potrebbe interessarti: Riforma pensioni 2023: cosa succederà e chi rischia di più

L’attesa per i dettagli riguardanti il nuovo bonus gomme 2022

Trattandosi di una proposta di legge, ovviamente mancano ancora molti dettagli su come potrebbe funzionare a livello operativo il nuovo bonus gomme 2022. Per questi passaggi, servirà prima l’approvazione parlamentare. Solo successivamente si potrà verificare quali istruzioni attuative diffonderanno il Mef ed il ministero delle Infrastrutture. Ovviamente, per rendere la nuova agevolazione operativa servirà uno specifico decreto.

Possibili importanti risparmi grazie al nuovo bonus gomme 2022

Nel caso in cui il provvedimento venisse approvato, si potrebbe in ogni caso concretizzare un risparmio importante per i cittadini. Non solo dal punto di vista economico, sebbene una gomma di classe A (rispetto a quella di classe E) può portare a una riduzione del consumo di carburanti del 7%.

Anche la sicurezza stradale potrebbe compiere un importante passo in avanti, ad esempio in virtù della riduzione dello spazio di frenata dettata dai nuovi pneumatici. In base ai dati forniti da Assogomma, le stime sul risparmio complessivo per i cittadini indicano una minore spesa per 5,2 miliardi di euro, mentre la riduzione di inquinanti potrebbe concretizzare fino a 7 milioni di tonnellate di emissioni Co2 in meno.