Bonus Irpef: perchè se guadagno troppo poco non mi spetta?

-
18/08/2020

Cerchiamo di capire perchè a chi guadagna poco non spetta il bonus Renzi e il bonus 100 euro per il taglio del cuneo fiscale.

Bonus Irpef: perchè se guadagno troppo poco non mi spetta?

Il bonus Renzi da 80 euro prima e il bonus da 100 euro per il taglio del cuneo fiscale ora, spettano soltanto a coloro che sono considerati “capienti”. A chi ha un reddito al di sotto di una certa soglia, anche se sembra assurdo, il bonus non viene erogato. Perchè? Cerchiamo di capirlo rispondendo alla domanda di un lettore che scrive: Buongiorno, vi chiedo una delucidazione sul bonus 100€ e prima 80€. Lavoro per una grossa azienda part time e ho chiesto l’accesso a tale beneficio. Nel corso dell’anno questo non mi è stato pagato perché l’azienda sostiene che non arrivando ad almeno 80/100€ di trattenute questo non mi spetti nel mese. Volevo capire cosa dice esattamente la normativa in questi casi, e su quale legge posso rivalermi se loro sono in torto.

Bonus Irpef e incapienza

Per capire perchè agli incapienti il bonus Irpef non viene erogato bisogna prima di tutto capire come funziona tale bonus.  Premetto fin da subito che il bonus Renzi da 80 euro e adesso il Taglio del Cuneo Fiscale sono entrambi bonus che si applicano sull’Irpef.

Ogni lavoratore è chiamato  a versare l’IRPEF, ovvero l’imposta sul reddito delle persone fisiche, un imposta progressiva sul reddito che varia dal 23 al 43% (in base ai redditi prodotti che vengono suddivisi in scaglioni di reddito).


Leggi anche: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

Il lavoratore dipendente paga l’IRPEF sulla propria retribuzione e l’imposta è applicata direttamente nella busta paga.

Sia il bonus Renzi che il taglio del cuneo fiscale, quindi, si applicano sull’IRPEF riducendo l’imposta che il lavoratore deve pagare. Il bonus, quindi, altro non è che una restituzione di parte dell’IRPEF versata dal dipendente.

Esiste, poi, un limite al di sotto del quale il lavoratore non è tenuto a pagare l’IRPEF: fino a 8200 euro circa, infatti, l’Irpef non è dovuta.

Ovviamente per il lavoratore che non è tenuto al pagamento dell’IRPEF non spetta alcun bonus visto che lo stesso è una sorta di “rimborso” dell’IRPEF pagata. Nel suo caso, quindi, molto probabilmente il suo reddito da lavoro annuo è inferiore agli 8200 euro e, quindi, non le viene erogato il bonus. In ogni caso se nel corso dell’anno il suo reddito subisse una variazione e dovesse aver diritto al bonus (sia Renzi per i primi 6 mesi dell’anno, sia taglio cuneo fiscale per i restanti 6) le somme spettanti le saranno corrisposte a titolo di conguaglio nella busta paga di dicembre.


Potrebbe interessarti: Pensioni anticipate per lavoratori precoci: entro oggi 1° marzo 2021 la domanda per la certificazione dei requisiti