Bonus mamma domani 2020: ecco cosa prevede la manovra

-
20/11/2019

Bonus mamma domani 2020: ecco che cosa è, chi ne può fare richiesta e come inoltrare domanda per ottenere un assegno di 800 euro

Bonus mamma domani 2020: ecco cosa prevede la manovra

Nonostante sia previsto per il 2021 l’assegno unico per i figli, per il 2020 è stato riconfermato il bonus mamma. Il bonus mamma è previsto per le mamme che attendono un figlio. È stato pensato per sostenere le spese per la nascita della prole e far sì che sia un incentivo per incrementare le nascite. Il bonus mamma domani prevede un assegno di 800 euro pagato dall’Inps senza limiti di reddito, ma dietro richiesta. Per inoltrare la richiesta per il bonus, bisogna attendere il settimo mese di gravidanza e la si può inoltrare fino ad un anno dalla nascita del bimbo. L’assegno di 800 euro toccherà anche ai genitori che hanno adottato o preso in affido, in questo caso la data per la richiesta sarà quello dell’ingresso in famiglia e si avrà tempo per un anno.

Bonus mamma: chi lo può richiedere

Per poter richiedere il bonus mamma, come abbiamo detto, e come è riportato sul sito dell’INPS, bisogna essere al settimo mese di gravidanza, aver adottato o preso in affidamento un minore.

Il bonus mamma domani è concesso anche a mamme straniere comunitarie ed extracomunitarie, residenti in Italia. Il bonus viene erogato  ad ogni evento, che esso sia una gravidanza, un parto, un’adozione o un affidamento, in relazione al figlio. Quindi in caso di un parto gemellare o di una doppia adozione, bisogna presentare una doppia richiesta e si otterrà due assegni da 800 euro.

Procedura di richiesta

L’inoltro della domanda per il bonus mamma va fatto esclusivamente online tramite il sito Inps, accedendo tramite le proprie credenziali, PIN o SPID. Anche per quest’anno è possibile inoltrare domanda tramite l’App Inps. Ma nel caso non si abbia il codice Pin o l’App, è sempre possibile fare richiesta tramite il numero 80164 oppure 06 164 164, ma per i meno pratici si possono rivolgere ad intermediari come Caf o padronati.


Leggi anche: Canone RAI, per chi evade multa da 600 euro e rischio carcere

Bonus Bebè: obbligo di rinnovo DSU per non perdere il beneficio