Bonus nonni 2020 fino a 1200 euro: limiti e possibilità per fare domanda

-
18/08/2020

Bonus nonni 2020: sciogliamo alcuni nodi esplorando la normativa e rispondendo ai nostri lettori, ecco alcuni chiarimenti utili per poter fare domanda.

Bonus nonni 2020 fino a 1200 euro: limiti e possibilità per fare domanda

Bonus nonni 2020 fino a 1200 euro e fino a 2000 per particolari categorie. Sciogliamo alcuni nodi su questa misura e su cosa è possibile fare, in base alle ultime modifiche apportate dal decreto Rilancio che ha esteso il servizio al pagamento dei centri estivi e alla prestazione eseguita dai nonni (bonus nonni 2020). Ecco una serie di domande e risposte che potrebbero risultare utili. 

Genitori separati e bonus nonni 2020

Buongiorno gentilissimi Io e mia moglie siamo separati legalmente, entrambi lavoriamo presso aziende private, nostra figlia ha 13 anni, I nonni badano a lei, scuola, pranzo etc, possiamo beneficiare del bonus nonni? 
Grazie per la risposta

Risposta. Il bonus baby sitter può essere utilizzato per le prestazioni che effettuano i nonni che se si occupano della custodia dei nipoti a patto che non siano convivente con il lavoratore o lavoratrice richiedente l contributo. 

Il servizio di custodia dei nonni viene riconosciuto come una prestazione di lavoro occasionale e remunerata attraverso il Libretto di Famiglia. 


Leggi anche: Contributi a fondo perduto per Partite IVA e professionisti: le novità in arrivo con il Decreto Sostegno

A mio avviso, potete fare richiesta,  vi consiglio di rivolgervi ad un patronato oppure contattare il call center Inps al numero 803 164, trova qui le modalità per la domanda da inoltrare che scade il 31 agosto: Bonus baby sitter e libretto di famiglia: le istruzioni Inps per fare domanda

Libero professionista

Buongiorno, Vorrei sapere se mia figlia, libero professionista (avvocato) può ottenere il bonus di €.1.200 per il figlio di 10 anni, di cui si occupano i nonni (materni) pensionati 70 enni. Mia figlia è separata dal marito, dipendente comunale, che nel frattempo ha fruito anche di 600 euro, come titolare di partita IVA. La richiesta la deve presentare mia figlia o i nonni? Tramite patronato oppure on line con l’inps?

Risposta. L’Inps nella lista dei beneficiari, indica anche gli”autonomi iscritti alle casse professionali (previa la comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali del numero dei beneficiari)”.

Quindi, sua figlia rientrerebbe nel bonus baby nonni, ma deve presentare comunicazione alla sua cassa di previdenza. 

La domanda deve essere inoltrata direttamente all’Inps tramite il Libretto di famiglia, a chiedere il contributo deve essere sua figlia. Bisogna precisare che i nonni non devono essere conviventi e la prestazione rientra tra quelle occasionali. Trova qui alcuni riferimenti per poter fare domanda: Bonus baby sitter e libretto di famiglia: le istruzioni Inps per fare domanda


Potrebbe interessarti: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

Può rivolgersi anche ad un patronato. 

Bonus nonni: di cosa si tratta?

1) Buongiorno io posso fare la domanda faccio la collaboratrice domestica e faccio la nonna a tempo pieno tutti i giorni

2) Sono una pensionata con quota 100 posso usufruire del bonus nonni

Risposta. Il bonus baby sitter chiamato anche bonus nonni perchè può essere usato per pagare il servizio di custodia prestato dai nonni. Viene considerata come una prestazione occasionale e può essere fruita solo su richiesta del datore di famiglia (genitore) che paga una prestazione alla baby sitter o al nonno/a che effettua il servizio. La prestazione viene riconosciuta attraverso il Libretto di famiglia. I nonni non devono essere conviventi con la famiglia che eroga la prestazione. 

Anche chi fruisce della quota 100 può effettuare questa prestazione, in quanto si tratta di una prestazione occasionale sotto i 5.000 euro annui lordi.