Bonus Renzi 2020: aumento di 100 euro in busta paga per i lavoratori dipendenti

-
31/01/2020

Il taglio del nucleo fiscale ha ampliato la platea dei lavoratori aventi diritti all’aumento del bonus Renzi, tra questi rientrano a pieno titolo anche i dipendenti pubblici scolastici.

Bonus Renzi 2020: aumento di 100 euro in busta paga per i lavoratori dipendenti

Bonus Renzi 2020 dell’importo di 100 euro in busta paga, sarà attivo dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2020. Le nuove disposizione presenti nel Decreto legge collegato alla Legge di Bilancio approvato il 23 gennaio applicano in via sperimentale l’aumento in busta paga ai lavoratori percettori di reddito di lavoro subordinato. In sostanza, con il taglio del cuneo fiscale si è ampliata la platea degli aventi diritto al bonus dell’importo di 600 euro destinato ai lavoratori con un reddito complessivo che non superi la soglia di 28 mila euro. Oltre, tale soglia il bonus decresce e subentrano delle agevolazioni fiscali.

Bonus Renzi 2020: aumento sul reddito annuo percepito

Prima dell’aumento in forma di prova i lavoratori percepivano un trattamento integrativo pari a 960 euro annui, suddiviso in 80 euro mensili. Ma, nello stesso è capito che alcuni lavoratori hanno dovuto restituire il bonus per il superamento del limite reddituale.  Con il taglio cuneo fiscale, viene ampliata la platea dei lavoratori beneficiari con l’aumento dei margini relativi al reddito. Potranno ricevere il bonus i lavoratori con un reddito da 40 mila euro in forma decrescente, nello specifico:

  • aumento di 20 euro per i percettori del bonus di 80 euro, quindi riceveranno 100 euro mensili per sei mesi, pari a un totale di 600 euro i lavoratori con un reddito annuo che non superi i 26.600 euro lordi;
  • con un reddito annuo superiore a 26.600 euro e fino a 28 mila euro, i lavoratori ricevono il bonus di 100 euro al mese;
  • con un reddito annuo da 28 mila euro, si innesca la detrazione fiscale in forma decrescente fino a 80 euro in correlazione a un reddito pari a 35 mila euro lordi;
  • se la soglia di reddito risulti maggiore di 35 mila euro lordi, il bonus decresce fino a posizionarsi sullo zero con il sopraggiungere del limite reddituale di 40 mila euro.


Leggi anche: Pensione di reversibilità e convivenza: indispensabile l’unione civile

Bonus Renzi 2020: comparto scuola

A percepire l’aumento dei bonus Renzi saranno anche i dipendenti pubblici, in quanto il reddito annuo nel comparto scolastico equivale in media a circa 25.937 euro.

I dipendenti scolastici rientrano nel reddito innanzi esposto, di conseguenza riceveranno un bonus aumentato di 20 euro. In sostanza, mentre attualmente percepiscono 80 euro in busta paga dal 1° luglio fino al 31 dicembre 2020 riceveranno un bonus Renzi pari a  100 euro per un totale di 600 euro.