Bonus Renzi: conguaglio in busta paga dicembre 2019, a chi tocca

-
01/12/2019

Bonus Renzi: la busta paga di dicembe 2019 comprenderà il conguaglio, ecco a chi toccherà, i requisiti, il calcolo e come funziona

Bonus Renzi: conguaglio in busta paga dicembre 2019, a chi tocca

Con la busta paga di dicembre il lavoratore riceverà il conguaglio del Bonus Renzi. È compito del datore di lavoro eseguire tale calcolo riferendosi al reddito lavorativo complessivo e l’importo del Bonus già erogato. Il conguaglio del Bonus Renzi viene eseguito soprattutto quando, durante l’anno, il lavoratore ha cambiato contratto passando ad esempio da tempo pieno a part-time, oppure ha più rapporti lavorativi, o è stato assunto nel corso dell’anno.

Bonus Renzi: che cosa è

Il bonus Renzi è stato introdotto con il D.L. n. 66/2014 art. 1 ed è un’agevolazione, con il fine di ridurre il cuneo fiscale sulle buste paghe. Questo è, quindi, un credito Irpef che spetta in busta paga  ma solo per determinate categorie di lavoratori che rientrano nei requisiti previsti.

Bonus 80 euro: chi lo percepisce

Il Bonus di 80 euro spetta in genere a chi ha un reddito da lavoro dipendente, ma ci sono anche altri tipi di redditi che permettono l’erogazione del bonus, come:

  • il compenso ai soci lavoratori di cooperative e indennità o compensi a carico di terzi;
  • sui redditi derivanti da borse di studio o compensi per tirocinanti stagisti;
  • sugli importi erogati a favore di collaboratori coordinati e continuativi;
  • a preti e ministri di culto;
  • sui redditi derivanti da in mobilità o in cassa integrazione;
  • sull’indennità di disoccupazione Naspi;
  • redditi di lavoro a progetto a tempo determinato.


Leggi anche: Pensioni anticipate, una riforma per uscire da 62, 63 e 64 anni di età

Bonus 80 euro: requisiti reddituali

Il bonus Renzi viene erogato in base alle soglie prestabilite di reddito. La legge ha stabilito i limiti di reddito massimo e minimo da rispettare:

  • da 0 a 8.174 euro non si percepisce il Bonus Renzi;
  • da 8.174,01 a 24.600 si percepisce un bonus di 80 euro per un totale annuo di 960 euro;
  • da 24.600,01 a 24.800 si percepisce un bonus di 72 euro per un totale annuo di 864 euro;
  • da 24.800,01 a 25.000 si percepisce un bonus di 64 euro per un totale annuo di 768 euro;
  • da 25.000,01 a 26.600 si percepisce un bonus di 44 euro per un totale annuo di 528 euro;
  • da 26.000,01 in poi non si percepisce il bonus.

Bonus Renzi: conguaglio busta paga dicembre 2019

Come abbiamo detto, a fine anno, sulla busta paga di dicembre il datore di lavoro deve calcolare il conguaglio del Bonus Renzi.

Il datore di lavoro prima dell’emissione del cedolino del mese di dicembre deve provvedere al calcolo del conguaglio Bonus, stabilendo l’ammontare del reddito complessivo ai fini del bonus. Il reddito che va considerato è la somma dei redditi di ciascuna categoria, tranne quello della prima casa e delle sue pertinenze. Vengono conteggiati anche i redditi assoggettati a cedola secca, mentre non rientrano gli importi erogati  come TFR o assoggettati  a tassazione separata. Sulla somma ottenuta si calcola il bonus effettivamente spettante e si confronta con quello erogato durante l’anno. Nel caso risulti una differenza, cioè il bonus Renzi effettivo è superiore a quello già erogato si genera un conguaglio a favore del lavoratore. Invece, nel caso in cui il Bonus Renzi calcolato è inferiore a quello già erogato, si genera un conguaglio a sfavore del lavoratore che dovrà restituire la parte in eccesso.


Potrebbe interessarti: Super Green Pass: cos’è, come funziona il decreto e come si ottiene

Bonus 80 euro: le scelte del lavoratore

Il lavoratore può scegliere come percepire il Bonus Renzi facendo esplicita richiesta al datore di lavoro. Ha tre possibilità di scelta:

  • Richiedere l’erogazione in un’unica soluzione in sede di conguaglio sulla busta paga di dicembre, sulla base del reddito complessivo;
  • Richiedere l’erogazione mensile e procedere con il conguaglio a dicembre in busta paga, sulla base del reddito complessivo
  • Rinunciare al bonus Renzi perché ci si ritiene di superare la soglia di reddito.

Nel caso dell’ultima scelta, se il lavoratore a fine anno percepisce un reddito che gli dà la possibilità di ricevere il bonus Renzi, lo potrà recuperare con la dichiarazione dei redditi 730 dell’anno successivo.

Bonus di 600 euro per lavoratore in più oltre al Bonus Renzi

Bonus 80 euro in busta paga. come potrebbe cambiare nel 2020?