Bonus sociale: nuovo tetto ISEE, misura per 200 mila famiglie in più

-
07/12/2019

Bonus sociale: stabilito un nuovo tetto ISEE e 200 mila famiglie in più possono inoltrare la richiesta dello sconto sulle bollette acqua, luce e gas

Bonus sociale: nuovo tetto ISEE, misura per 200 mila famiglie in più

Cambiano i requisiti per accedere al bonus sociale previsto per le famiglie con difficoltà economiche, sulle bollette di alcune utenze come: luce, gas e acqua. L’Autorità per l’energia (Arera) ha infatti alzato la soglia limite di reddito ISEE da 8.107 a 8.256 euro, lasciando invariato quello massimo di 20 mila euro per le famiglie con almeno 4 figli a carico. Inoltre possono far richiesta del bonus i nuclei familiari titolari di reddito o pensione di cittadinanza oppure in caso di presenza di un soggetto con grave malattia che necessità di apparecchiature medicali alimentate con l’elettricità, indispensabili per il mantenimento in vita.

Nuova soglia Isee per accedere al bonus sociale

La modifica della soglia di reddito Isee è stata prevista nella delibera 499/2019/R/com, adeguandola in base all’indice dei dati Istat. Dal 1° gennaio 2020 il bonus sociale potrà essere richiesto da 200mila famiglie in più. La richiesta del bonus va presentata presso il proprio comune di residenza, al Caf o alle Comunità montane, poiché la concessione non è ancora automatica. Con il nuovo decreto fiscale potrebbe entrare in vigore anche un nuovo bonus rifiuti e il riconoscimento del bonus sociale in via automatica, sulla bolletta per le famiglie che ne hanno diritto, dal 2021. Quando il bonus sarà automatizzato, lo sconto sarà garantito a 2,4 milioni di famiglie, senza che queste presentono alcuna richiesta.

Bonus elettrico: lo sconto


Leggi anche: Canone RAI ancora in bolletta: chi deve pagarlo e come chiedere l’esenzione

L’importo scontato sulla bolletta elettrica dipende dal numero di componenti del nucleo familiare, questo viene aggiornato ogni anno dall’Autorità. Per il 2019 gli importi da scontare in fattura sono i seguenti:

  • 132 euro per nuclei familiari composti da 1-2 componenti;
  • 161 euro per 3-4 componenti;
  • 194 euro oltre i 4 componenti.

Lo sconto viene ripartito sulle diverse bollette che corrispondono ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda.

Lo sconto ha validità 12 mesi, dopo di che il cittadino deve presentare un’ulteriore domanda per ottenere un nuovo sconto.

Sconti differenziati per la bolletta gas

Lo sconto per le bollette del gas cambia in base a diversi parametri, come: la categoria d’uso associata alla fornitura, la zona climatica in cui si trova il punto di erogazione, il numero di componenti della famiglia. L’Arera mette a disposizione sul suo sito una tabella da cui si può conoscere l’importo, in base ai propri requisiti.  Ad esempio per una famiglia con 4 componenti per una fornitura di gas per acqua sanitaria e/o cottura e con l’uso di riscaldamenti, lo sconto nella zona climatica A/B è all’incirca di 85 euro, mentre per la zona F sale a 217 euro.

Sul sito dell’Autorità, inserendo i propri dati e le informazioni inerenti alla fornitura è possibile calcolare il valore dello sconto.

L’erogazione del bonus gas avviene con modalità diverse in base al tipo di cliente: per il cliente diretto (fornitura individuale) il bonus viene ripartito sulle diverse bollette corrispondente ai consumi relativi ai 12 mesi; per il cliente indiretto (fornitura centralizzata) il bonus viene erogato in un’unica soluzione.  Il cliente indiretto, dopo l’approvazione della domanda, si deve recare in posta con un documento di riconoscimento e il codice postale per ritirare la somma spettante in un’unica soluzione oppure richiedere un bonifico sul conto corrente.

Bonus acqua: il suo valore

Il bonus acqua assicura una fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua su base annua per ogni componente della famiglia dell’utente. La tariffa agevolata non è unificata al livello nazionale. Per conoscere il valore del bonus acqua, l’utente deve consultare il sito del proprio gestore e calcolare l’importo del bonus spettante.


Potrebbe interessarti: Esonero contributivo Inps 2021 per partite Iva: cos’è, come funziona e come fare domanda

Bonus Tari 2020: sconto sulla tassa dei rifiuti, ecco i requisiti e come funziona