Bonus sulla spesa, idraulico, cucina, spese ristoranti e parrucchiere, in base alla soglia di reddito, le novità nella legge di Bilancio

-
15/10/2019

Nella prossima legge di Bilancio 2020 una possibile detrazione per incentivare i pagamenti tracciabili quale bonus sulla spesa, idraulico, ristoranti….

Bonus sulla spesa, idraulico, cucina, spese ristoranti e parrucchiere, in base alla soglia di reddito, le novità nella legge di Bilancio

Allo studio la possibilità d’inserire nella prossima legge di Bilancio 2020 una detrazione per incentivare i pagamenti tracciabili. L’obiettivo è quello di rendere conveniente la richiesta di ricevuta su alcune prestazioni di servizi. Per fare ciò bisognerà inserire una detrazione a forma di sconto che sia superiore al pagamento dell’IVA applicata. Ed ecco alcuni esempi su come funzionerà il bonus sulla spesa e altro.

Detrazione per intervento idraulico o riparazione scarico da cucina

 È il caso, ad esempio, dell’intervento dell’idraulico per la riparazione della tubatura del bagno o dello scarico della cucina, per il quale si potrebbe beneficiare di uno sconto fiscale in detrazione, presumibilmente nella misura del 19%.

Estensione per i ristoranti e il parrucchiere

Il nuovo bonus “tracciabilità” non sarebbe vincolato soltanto ai piccoli lavori in casa ma è ipotizzabile l’estensione ad altri comparti, come le spese per ristoranti e quelle per parrucchiere. Per contenere i costi per lo stato si prevede un tetto massimo di spesa agevolabile che si dovrebbe aggirare tra 250 e 500 euro, a seconda delle coperture che saranno trovate.

Soglia di reddito

Allo studio si ipotizza che sarà probabilmente introdotta una soglia di reddito oltre la quale tutti i benefici fiscali (anche quelli già esistenti) si azzereranno completamente.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Il livello potrebbe essere fissato a 100-120mila euro di reddito, oltre i quali l’azzeramento avverrebbe in modo graduale.

Sarebbero escluse solo le attuali detrazioni al 19% per gli interessi passivi dei mutui, tanto per l’abitazione principale quanto per gli altri immobili e gli interventi di recupero edilizio.

Mutuo a tasso sotto lo zero: le banche pagano gli interessi, anche in Italia?

Detrazione del 19% solo per chi paga con gli strumenti elettronici

Si punta a una totale “digitalizzazione” delle detrazioni esistenti, con la previsione della possibilità di sfruttare le detrazioni al 19% soltanto per chi paga con strumenti elettronici. 

Piano anti-evasione: rimborso spese per chi effettua pagamenti elettronici