Bonus TV previsto per novembre 2019, ecco le novità

Bonus TV dal 2019 al 2022, per agevolare al passaggio alla nuova tecnologia DVBT-2. Ecco chi può richiederlo e i requisiti

Per chi non lo sapesse entro il 1° luglio 2022 tutte le TV devono essere allineate a ricevere il nuovo segnale terrestre di seconda generazione. Il governo per far sì che il passaggio al DVB-T2 sia un po’ più agevolato ha stanziato un fondo di 151 milioni di euro. I televisori per ricevere il nuovo segnale DVD-T2 per il 1° luglio 2022 devono essere smart. Quindi per chi ha un televisore un po’ datato deve verificare se è abilitato al nuovo segnale, altrimenti va cambiato. Già da qualche anno le TV in vendita sono provvisti della nuova tecnologia, per questo è meglio effettuare tutte le verifiche prima di correre ad acquistare un nuovo televisore

Bonus tv: fondo di 151 milioni per il passaggio al DVB-T2

Per chi ha in casa un televisore un po’ vecchiotto dovrà, quindi, cambiarlo, in alternativa acquistare un decoder. Il Governo per rendere più agevole il passaggio alla nuova tecnologia, ha stanziato un fondo da 151 milioni di euro. Questi serviranno a finanziare gli sconti sull’acquisto dei dispositivi smart. Questo tipo di agevolazione si chiama “bonus TV”, ne potranno godere chi ha un reddito al di sotto di una soglia stabilita. Il bonus tv verrà concesso in forma di bonus switch-off e si potrà utilizzare solo per l’acquisto di un solo televisore dal 2019.

Bonus TV: il Mise annuncia le novità

Regole precise sull’erogazione del bonus TV, non ci sono ancora. Siamo in attesa a breve, del risultato della consultazione pubblica che si sta verificando nel Ministero dello Sviluppo Economico per delineare le linee guida sull’erogazione dei contributi. In una nota, si legge che la misura fa parte di numerose azioni messe in campo dal Mise, per accompagnare il processo di trasformazione digitale del settore TV. Il suo fine è quello di agevolare il passaggio dallo standard DVB-T a quello DVBT-2, con lo stanziamento del fondo di 151 milioni di euro previsti dalla legge di Bilancio 2019.

Bonus TV: si parte da novembre, ecco chi può richiederlo

Il bonus TV sarà erogato dal 2019 al 2022, anno in cui finirà il processo di transizione tra il digitale terreste DVB-T a DVBT-2. Il contributo verrà distribuito sotto forma di sconto praticato dal venditore stesso sul prezzo di vendita dell’apparecchio.

Chi potrà usufruire di tale agevolazione sono i cittadini con fasce ISEE I e II. Il Mise nella nota chiarisce che le linee guida saranno messe in consultazione pubblica per 30 giorni sul sito del Ministero, in modo di acquisire le osservazioni degli stakeholder. Il Mise ha l’obiettivo di rendere operativo il bonus TV per novembre 2019.

Bonus matrimonio fino a 20mila euro, va chiesto al datore di lavoro?

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.