Buoni Fruttiferi Postali: ecco le tipologie in cui investire nel 2020, tipologie e rendimenti

-
25/12/2019

Buoni Fruttiferi Postali: tutte le tipologie che Poste Italiane mette a disposizione dei risparmiatori nel 2020, caratteristiche e rendimenti

Buoni Fruttiferi Postali: ecco le tipologie in cui investire nel 2020, tipologie e rendimenti

Si avvicina un nuovo anno ed è il momento di tirare le somme analizzando i risparmi effettuati e come investirli. I risparmiatori che sono riusciti a mettere da parte, con tanto sacrificio, un piccolo gruzzoletto ora si chiedono qual è la forma di investimento più adatta per farlo fruttare.  Quindi, analizziamo  tutti i tipi di buoni fruttiferi postali che in questo periodo Poste Italiane mette a disposizione. Attualmente i buoni fruttiferi che si possono sottoscrivere sono di 7 tipologie diverse, adatti a soddisfare le esigenze di qualsiasi risparmiatore.

Buoni fruttiferi postali 170° CDP

Partiamo dall’ultimo nato nella famiglia dei buoni fruttiferi postali: “Buoni fruttiferi Postali 170° CDP –Premium”.

Il buono fruttifero postale 170° CDP Premium è rivolto solo ai risparmiatori che introducono nuova liquidità, ha una durata di 4 anni e gli interessi vengono corrisposti solo alla scadenza. Come tutti gli altri buoni fruttiferi è svincolabile anche prima della scadenza ma con la sola restituzione del capitale investito. Il buono è sottoscrivibile tramite APP, in forma dematerializzata, per i titolari di un Bancoposta o di un libretto di risparmio postale. La sottoscrizione in forma cartacea è comunque sempre possibile. Il rendimento del buono 170° CDP – premium è del 1% lordo annuo corrisposto solo allo scadere del quarto anno.

Per saperne di più leggi: Buoni fruttiferi postali: 170° CDP – premium e fedeltà, le novità


Leggi anche: Bonus casa 2022: proroga, agevolazioni e legge di bilancio

Buoni Fruttiferi 3 anni Plus

Un altro tipo di buono fruttifero immesso sul mercato da Poste Italiane da poco è “Buoni Fruttiferi 3 Anni Plus”. Facciamo presente che il rendimento annuo lordo a scadenza di questo tipo di Buoni Fruttiferi Postali è molto basso, raggiunge la misura dello 0,40% lordo annuo. Per questo motivo tale titolo è considerato come strumento di risparmio e non di investimento.

Per approfondimenti: Buoni Fruttiferi: ecco le caratteristiche e i rendimenti dei “Buoni Fruttiferi 3 Anni Plus”

Buoni fruttiferi di Poste Italiane: Buoni 3×2 e 3×4

Per i risparmiatori che vogliono investire per un periodo medio lungo Poste italiane mette a disposizione due tipologie di buoni fruttiferi: Buoni 3×2 (fino a 6 anni) e 3×4 (fino a 12 anni).

La prima tipologia di Buono prevede una durata massima di 6 anni, ottimo per i risparmiatori che vogliono investire per un periodo a medio termine. Gli interessi maturano dal 3° anno in poi, nel caso si vuole svincolare il buono prima dei 3 anni, ciò è possibile farlo ma si riceverà solo il capitale investito. Il rendimento effettivo annuo lordo aggiornato al 10 settembre 2019 è seguente:

  • 3° anno: 0,25%;
  • 6° anno: 0,35%.

I Buoni 3×4 sono ideale, invece, per i risparmiatori che vogliono investire per un periodo a medio-lungo termine. La durata massima del buono è di 12 anni. Gli interessi maturano ogni 3 anni e il rimborso del capitale prima della fine del primo triennio è privo di interessi. La sottoscrizione dei buoni fruttiferi postali può essere effettuata presso gli uffici di Poste Italiane o tramite App, possono essere emessi sia in forma cartacea che dematerializzata.

Il rendimento effettivo annuo lordo alla fine di ogni triennio, è il seguente:

  • 3° anno: 0,25%;
  • 6° anno: 0,30%;
  • 9° anno: 0,70%;
  • 12° anno: 1,00%.

Buoni fruttiferi di Poste Italiane: Buoni 4×4

I buoni fruttiferi 4×4 hanno una durata di 16 anni, quindi è adatto per chi vuole investire per un periodo medio-lungo e con rendimenti certi garantiti. La particolarità di questi buoni fruttiferi postali è che gli interessi maturano ogni 4 anni.  Quindi, se si vuole svincolare il buono nei primi 4 anni si riceverà solo il capitale investito, successivamente anche gli interessi maturati ad ogni quadriennio. Il rendimento effettivo annuo lordo alla fine di ogni quadriennio, è il seguente:


Potrebbe interessarti: Smart working per statali: ipotesi anche dall’estero

  • 4° anno: 0,25%;
  • 8° anno: 0,60%;
  • 12° anno: 0,90%;
  • 16° anno: 1,25%.

per saperne di più: Buoni fruttiferi postali: gli ultimi aggiornamenti sui rendimenti al 10 settembre, Buoni 3×2, 3×4, 4×4

Buoni Fruttifero Postali Ordinari

I buoni fruttiferi ordinari sono i buoni più longevi di Poste Italiane. È un titolo di investimento a lungo termine, infatti ha una scadenza di 20 anni. Il suo rendimento è crescente nel tempo, non ci sono spese per la gestione e la sottoscrizione ma sono soggetti agli oneri fiscali. I buoni fruttiferi postali ordinari si possono sottoscrivere online o presso gli uffici postale.

Il rendimento dei Buoni Fruttiferi Postali Ordinari è crescente negli anni, quindi è ovvio più sarà lungo il periodo di vincolo più alti saranno i rendimenti. I tassi nominali annui lordi sono stati aggiornati da Poste Italiane il 10 settembre 2019, si parte con un tasso d’interesse del 1° anno dello 0,05% lordo fino ad arrivare a quello del 20° anno dello 0,90% lordo. Per consultare la tabella integrale clicca qui.

Per saperne di più leggi: Buoni fruttiferi postali ordinari: caratteristiche, rendimento e durata

Buoni fruttiferi postali 4 anni Risparmiosemplice

I Buoni fruttiferi postali 4 anni Risparmiosemplice hanno una durata massima di 4 anni, possono essere sottoscritti da persone maggiorenni che hanno attivato un Piano di risparmio Risparmiosemplice. Poste Italiane, inoltre, eroga un rendimento premiale al raggiungimento di 24 sottoscrizioni al minimo. La novità di questa tipologia di buoni fruttiferi postali è che danno la possibilità di risparmiare un poco alla volta; cioè per chi lo preferisce può accantonare piccole cifre un poco alla volta, invece di investire una grossa somma all’inizio.

Per sottoscrivere i buoni bisogna essere titolare di un conto corrente postale o di un Libretto di risparmio postale, con la stessa intestazione dei Buoni e aderire al Piano di risparmio Risparmiosemplice.  Per sottoscrizioni periodiche, si intende sottoscrizioni mensili o bimestrali (5 e 27 del mese). Invece, per sottoscrizioni aggiuntive giornaliere si parte da un minimo di 50 euro e si arriva a un massimo di 10.000 euro. Poste Italiane comunica che le sottoscrizioni aggiuntive non concorrono al raggiungimento del numero di sottoscrizioni periodiche per ottenere il rendimento premiale.

Poste Italiane eroga un rendimento dello 0,25% lordo annuo a scadenza dei quattro anni e se nel caso si raggiungono 24 sottoscrizioni periodiche nel Piano, il rendimento sale allo 0,50% lordo annuo alla scadenza.

Per saperne di più leggi: Buoni fruttiferi postali 4 anni risparmiosemplice: caratteristiche e rendimento aggiornato

Buoni Fruttiferi dedicati ai minori

I buoni fruttiferi postali dedicati ai minori possono essere sottoscritti a minori con un’età compresa tra 0 e i 16 anni. Restituiscono il capitale garantito al 100% e gli interessi che maturano fino al 18°anno di età del minore. Questo tipo di buono può essere sottoscritto da un genitore, da un nonno ma anche da un amico di famiglia. Il rendimento massimo, per i buoni dedicati ai minori, raggiunge il 3% lordo annuo. Una caratteristica importante è che i buoni per i minori possono essere sottoscritti tramite il Piano di risparmio Piccoli e Buoni ed emessi in forma dematerializzata.

Per approfondimenti leggi: Buoni fruttiferi postali per minori al 3%

Caratteristiche dei buoni fruttiferi postali

I buoni Fruttiferi postali sono emessi da Cassa Depositi e Prestiti e sono garantiti dallo Stato, quindi è una forma d’investimento in cui il capitale è sempre assicurato. Tutte le tipologie dei buoni fruttiferi postali non hanno spese di gestione, sottoscrizione e svincolo. Sono esenti di imposta di successione ma sono soggetti a ritenuta fiscale agevolata del 12,50% sugli interessi maturati.  I buoni fruttiferi per un valore inferiore o pari a 5.000 euro sono esenti da imposta di bollo, mentre viene applicata su buoni con importi maggiori di 5.000 euro nella misura dello 0,20% annuo del capitale investito.