Buoni Fruttiferi Postali Indicizzati all’Inflazione Italiana: cosa sono e la loro convenienza

Buoni Fruttiferi Postali Indicizzati all’Inflazione Italiana nuova forma di investimento per il 2019: ecco come funzionano

Poste Italiane ha immesso sul mercato da gennaio 2019, i buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione, buoni che non erano più sottoscrivibili dal febbraio 2016.  Quindi dopo tre anni di sospensione oggi sono di nuovo sottoscrivibili. Vediamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi nell’investire in questi nuovi BFP.

Bfp indicizzati all’inflazione italiana: sono convenienti?

Pose Italiane indica che questi nuovi BFP indicizzati all’inflazione sono rivolti a chi ha intenzione di proteggere i propri risparmi dall’incremento dei prezzi al consumo in Italia, conservando e valorizzando il potere d’acquisto del capitale investito, nel tempo.

Buoni fruttiferi indicizzati all’inflazione: ecco come funzionano?

I Buoni postali fruttiferi indicizzati all’inflazione italiana sono un prodotto molto apprezzato dagli italiani, in quanto è sempre stato uno dei miglior buoni di Poste Italiane al riguardo del rendimento. Tale buono è un valido strumento di investimento sia a breve termine che a lungo termine, considerando la durata decennale. Ma facciamo presente che anche in questo caso il buono è svincolabile in qualsiasi momento.  Con un’attenta analisi, possiamo dedurre che oggi, i buoni fruttiferi indicizzati non sono degli strumenti di investimento più vantaggiosi.

I Bfp possono essere sottoscritti in entrambe le forme: cartaceo o dematerializzato tramite il Libretto Postale Smart.

I Buoni fruttiferi postali indicizzati assicurano un rendimento fisso crescente ed un rendimento collegato all’indice Istat FOI (esclusa la componente tabacchi).

Vediamo i tassi d’interessi degli ultimi rendimenti:

Periodo di possesso – Rendimento garantito LORDO

Anno 1 – 0,10%;

Anno 2 – 0,10%;

Anno 3 – 0,10%;

Anno 4 – 0,10%;

Anno 5 – 0,10%;

Anno 6 – 0,10%;

Anno 7 – 0,10%;

Anno 8 – 0,10%;

Anno 9 – 0,10%

Anno 10 – 0,10%.

Da questa tabella possiamo notare che il rendimento lordo è molto basso,  la componente che  lo può aumentare è il coefficiente d’inflazione.

Il valore di rimborso si ottiene moltiplicando l’importo sottoscritto per il coefficiente di capitalizzazione totale, dovuto dal prodotto del coefficiente di indicizzazione, con cui vengono rivalutati i soldi investiti, ed il coefficiente di capitalizzazione degli ultimi 2 mesi, determinato in base agli interessi garantiti fissi.

Per i buoni fruttiferi postali gli interessi sono soggetti a tassazione in misura del 12,50% invece del 26% dei conti deposito. Inoltre, per buoni con importi fino a 5 mila euro non si paga l’imposta di bollo che è pari allo 0,20% della somma investita, ciò si applica per importi superiori ai 5.000 euro.

Buoni fruttiferi postali: interessi raggiungono il 5%. Vediamo in quali casi

I Buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione: quanto convengono?

La convenienza dei buoni fruttiferi postali indicizzati, attualmente è incerta. In quanto gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una bassa inflazione, ma generalmente a periodi di bassa inflazione ne seguono altri con crescita più sostenuta.

In generale per capire se questo investimento può convenire è necessario domandarsi se si ritiene che l’inflazione nei prossimi dieci anni possa crescere o no.

Nel caso di una risposta affermativa allora l’acquisto dei Buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione italiana può essere una buona scelta di investimento.

Buoni fruttiferi postali dedicato ai minori. Ecco perché sono convenienti

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.