Buoni Fruttiferi postali nel Piano di Risparmio, cosa sono e a chi sono dedicati

-
13/07/2019

Piano di risparmio “Piccoli e Buoni” dedicato ai minori: ecco come sottoscriverlo e i vantaggi con la sottoscrizione dei Buoni Fruttiferi Postali.

Buoni Fruttiferi postali nel Piano di Risparmio, cosa sono e a chi sono dedicati

Poste italiane mette a disposizione un servizio denominato “Piano di Risparmio”, con il quale dà la possibilità di acquistare Buoni fruttiferi in forma dematerializzata, con un programma di sottoscrizioni periodiche. Per aprire un Piano di Risparmio c’è la necessità di essere già titolare di un conto corrente postale o di un Libretto di risparmio postale sul quale verranno contabilizzate le operazioni di addebito relative alla sottoscrizione dei Buoni.

Piano di Risparmio in cosa consiste

Oggi i Piani di Risparmio messi a disposizioni da Poste Italiane ne sono di due tipi:

  • “Piccoli e Buoni”, con cui si possono sottoscrivere Buoni dedicati ai minori e inoltre necessita di un Libretto Speciale dedicato ai minori su cui verranno collegati i diversi Buoni sottoscritti;
  • “Risparmiosemplice”, riservato alle persone fisiche maggiorenni, e permette la sottoscrizione di Buoni 4 anni risparmiosemplice.

Entriamo nei dettagli dei suddetti prodotti.

Piccoli e Buoni: descrizione

Il Piano di risparmio “Piccoli e Buoni” è privilegiato da genitori o nonni che vogliono regalare ai propri figli o nipoti un gruzzoletto alla loro maggiore età. Infatti è un gran regalo. Piccoli e Buoni, inoltre permette ai più piccolo di avvicinarsi al mondo del risparmio


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Una caratteristica essenziale di Piccoli e Buoni è la flessibilità, infatti esso permette la sottoscrizione dei buoni in modo automatico con la periodicità che si preferisce. Inoltre si possono anche sottoscrivere Buoni dedicati ai minori al di fuori delle periodicità prevista.

Il Piano di Risparmio, per esigenze personale può sempre essere sospeso o modificare gli importi delle sottoscrizioni future.

Piccoli e Buoni: caratteristiche

Per poter sottoscrivere il Piano di risparmio “Piccoli e Buoni”, il minore deve essere intestatario di un Libretto di risparmio dedicato ai minori e il maggiorenne titolare di un Libretto di risparmio o di un Conto BancoPosta. Il sottoscrittore maggiorenne sceglie l’importo dei Buoni che saranno emessi in modo automatico e periodico con addebito sul proprio Libretto di risparmio o Conto BancoPosta.

L’importo dei buoni da sottoscrivere periodicamente deve essere di 50 euro o multipli, la periodicità scelta tra mensile, trimestrale o semestrale. Mentre il giorno di addebito scelto tra il 5 o il 27 del mese.

L’importo della prima sottoscrizione può essere deciso a partire da 50 euro, mentre le rate successive puoi confermare lo stesso importo o modificarlo senza problemi.

C’è anche la possibilità di sottoscrivere un buono al di fuori della periodicità stabilita, per un ulteriore regalo al minore.

Per poter regalare i buoni con il piano di risparmio Piccoli e Buoni ad un minore, egli deve avere al massimo 16 anni e mezzo. Al compimento del 18esimo anno di età, il valore dei Buoni sottoscritti e gli interessi maturati saranno accreditati sul Libretto di risparmio di cui è intestatario il minore. Precisiamo che al compimento del 18esimo anno, gli interessi sul libretto dedicato ai minori non matureranno più.


Potrebbe interessarti: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Per ulteriori informazioni sui Buoni dedicati ai minori e su Risparmiosemplice ti invitiamo a leggere i seguenti articoli:

Buoni fruttiferi postali dedicato ai minori. Ecco perché sono convenienti