Buono fruttifero postale serie Q 1989: valore di rimborso

-
24/11/2019

Buono fruttifero postale serie Q 1989 e valore di rimborso, risponde l’avvocato.

Buono fruttifero postale serie Q 1989: valore di rimborso

Valore di rimborso Buono fruttifero postale, esaminiamo il quesito di un nostro lettore: Buongiorno, desidererei conoscere che valore di rimborso hanno i miei due BFP emessi il 10/01/1989 di lire 1000000, della serie Q. Dal calcolo postale valgono euro 5782 ognuno.Le sarai grato se mi desse una risposta in merito e qualora occorresse aprire un contenzioso mi ragguagliasse circa il da farsi nonché  il suo onorario. Faccio presente che il buono è intestato a me e a mia zia oramai deceduta con pari facoltà. Infine Le allego fotocopia del retro del BFP.

La domanda è sopraindicata. Conoscere cosa fare per il BFP serie Q del 1989  circa il valore di riscossione. Grazie della disponibilità e distinti ossequi. 

Buono serie Q 1989

Gentile sig.re

il quesito che mi pone merita una preliminare analisi:

– il buono cesserà di essere fruttifero il 31.12.19;

– preferibilmente potrà procedere all’incasso a far data dal 01.01.20.

In casi analoghi suggerisco di farsi autenticare copia fronte retro del titolo da pubblico ufficiale (es. ufficiale stato civile) esibendo l’originale, prima di procedere all’incasso. Così facendo si riserva un’eventuale azione contro le Poste per i successivi dieci anni all’incasso, avendo tutto il tempo di valutare l’evoluzione del contenzioso in essere per casi pressoché identici al Suo che, ad oggi, è per lo più favorevole a Poste Italiane.


Leggi anche: Bonus prima casa under 36: Isee, requisiti, scadenza e agevolazioni fiscali

In proposito mi preme precisare che l’ABF non decide nel merito della domanda del ricorrente, dichiarandosi da anni esclusivamente incompetente in materia fiscale.

E’ necessario altresì tenere in considerazione che una recente decisione dell’ABF Milano ha riconosciuto le ragioni del ricorrente condividendo la tesi secondo cui la questione sottopostagli non riguarda profili di natura fiscale/tributaria.

Quanto al decesso della cointestataria, lo stesso non pregiudicherà né il rimborso da parte di Poste essendovi la cd. clausola PFR, nè un’eventuale e successivo contenzioso nel quale  sarà sufficiente allegare il certificato di morte.

Per qualsiasi ulteriore dubbio resto a disposizione anche ad uno dei recapiti in calce.

Cordiali saluti.

Avv. Pierluigi Basile

Studio Legale Basile
via Panebianco, 326 – 87100 Cosenza 

via G. Salvemini, 6 – 88900 Crotone

[email protected][email protected]