Busta paga agosto: ecco come viene pagato Ferragosto

-
17/07/2018

Ferragosto, festa nazionale, ecco come viene retribuita in busta paga

Busta paga agosto: ecco come viene pagato Ferragosto

Ferragosto è una festività nazionale e molti lavoratori non sanno come viene retribuito nella busta paga di agosto. Facciamo un po’ di chiarezza anche se il lavoratore è obbligato o meno ad andare a lavorare a ferragosto.

Ferragosto: il lavoratore è obbligato a lavorare?

Quest’anno Ferragosto capita di mercoledì, giornata infrasettimanale, molti dipendenti andranno a lavorare, soprattutto chi ha un contratto stagionale come bagnini, camerieri etc. Ma anche i dipendenti delle Forze armate o della sanità sono “costretti” a lavorare il 15 agosto.

ferragosto in busta paga

È Importante precisare che il datore di lavoro non può obbligare il dipendente ad andare a lavoro a Ferragosto, in quanto il 15 agosto è una festività riconosciuta dal nostro ordinamento, e valgono le regole stabilite dal CCNL di riferimento. Ci sono però delle eccezioni, alcuni contratti nazionali stabiliscono che per particolari esigenze aziendali il giorno di Ferragosto è lavorativo.

In tutti i contratti CCNL è stabilito che chi lavorerà di Ferragosto dovrà percepire una percentuale in più rispetto alla normale paga oraria o giornaliera e inoltre avrà diritto ad un riposo compensativo.

Calcolo della retribuzione di Ferragosto in busta paga

Per chi decide di andare a lavorare il 15 agosto, o perché obbligato dall’esigenze aziendali, ha diritto ad una maggiorazione della paga in base al contratto CCNL, ad esempio:


Leggi anche: Pensioni anticipate dai 62 anni: le novità sulla ipotesi contributiva e lo stop dei sindacati

  • Turismo: 20%;
  • Alimentaristi: 50%;
  • Trasporti: 50%;
  • Calzature: 50%;
  • Carta: 55%;
  • Editoria: 60%;
  • Metalmeccanica 50% (60% se notturno);
  • Tessile e Abbigliamento: 38%.

Quindi il dipendente che lavora il 15 agosto avrà diritto ad uno stipendio più alto.

Per i lavoratori che decidono di non lavorare il 15 agosto gli verrà retribuito ugualmente in busta paga, ma solo se cade, come quest’anno, durante la settimana lavorativa.

Facciamo una distinzione, se la retribuzione è fissa il lavoratore non ha diritto ad una maggiorazione dello stipendio perché la festività già è inclusa nello stipendio mensile.

Chi, invece, non ha una retribuzione fissa, gli verrà riconosciuto per il 15 agosto un importo pari ad un 1/6 della retribuzione settimanale. Gli assegni familiari, invece, verranno riconosciuti in entrambi i casi.

TFR in busta paga come Qu.I.R. abolito, arriva la comunicazione ufficiale, le novità

Assegni familiari 2018 scadenza 1° luglio per presentare la domanda: ecco tutte le novità