Busta paga dicembre 2018: conguaglio bonus 80 euro, a chi tocca

-
13/12/2018

Busta paga dicembre 2018: conguaglio bonus 80 euro, a chi tocca

Il bonus 80 euro verrà erogato con la busta paga di dicembre, ma chi ne avrà il diritto?

È compito del datore di lavoro calcolare l’importo del conguaglio, prendendo in considerazione gli anticipi effettuati durante l’anno. Questo è un calcolo importante soprattutto per chi non ha un monte ore e uno stipendio fisso.

Busta paga dicembre 2018: a chi tocca il conguaglio bonus 80 euro?

Il bonus Irpef si applica in generale sui redditi da lavoro dipendente; ma ci sono anche altri redditi che permettono l’erogazione del bonus 80 euro, come ad esempio:

  • il compenso ai soci lavoratori di cooperative e indennità o compensi a carico di terzi;
  • sui redditi derivanti da borse di studio o compensi per tirocinanti stagisti;
  • sugli importi erogati a favore di collaboratori coordinati e continuativi;
  • a preti e ministri di culto.

Il bonus Renzi di applica anche sui capitali e rendite periodiche legati a fondi pensione che rientrano tra i redditi da lavoro dipendente.

Il totale del reddito annuo del lavoratore incide sull’importo del bonus 80 euro. Infatti, l’importo del bonus varia a seconda dello scaglione di reddito in cui rientra l’importo del reddito. Con un reddito inferiore ai 24.600 euro il lavoratore ha diritto a percepire l’intero importo cioè 960 euro. Con un reddito compreso tra 24.600 e 26.600 euro il lavoratore percepirà un bonus ridotto proporzionalmente al reddito complessivo. Invece chi percepisce un reddito superiore ai 26.600 euro non ha diritto al bonus Renzi.

Busta paga 2018: bonus 80 euro si richiede col 730

Nel caso in cui il bonus Renzi non viene erogato con la busta paga di dicembre, il lavoratore lo potrà sempre richiederlo attraverso la dichiarazione dei redditi dell’anno successivo.

Bonus 80 euro nella busta paga di dicembre, tutte le cose da sapere