Busta paga più alta: a beneficiare dei 100 euro non saranno i redditi più bassi

-
12/02/2020

Bonus Renzi e aumento delle busta paga a partire dal mese di luglio 2020: ecco chi fruirà maggiormente del beneficio.

Busta paga più alta: a beneficiare dei 100 euro non saranno i redditi più bassi

La busta paga da luglio cambierà e per alcuni lavoratori ci saranno aumenti mensili fino a 100 euro grazie alla rimodulazione del Bonus Renzi. Il taglio del cuneo fiscale, infatti, avrà effetti diversi sulle diverse fasce di reddito dei lavoratori. Anche se la platea del bonus Renzi si amplia, infatti, non tutti i lavoratori ne beneficieranno alla stesso modo e alcuni, da luglio avranno un beneficio più alto rispetto ad altri.

Busta paga più alta da luglio

Il beneficio riguarderà, in generale, i lavoratori con redditi compresi tra gli 8mila e i 40mila euro anche se gli importi del bonus saranno diversi in base al reddito.

Ricordiamo che i redditi inferiori agli 8mila euro restano esclusi dal beneficio poichè rientrano nella no tax area.

I redditi compresi tra 8mila e 28mila euro riceveranno un bonus pari a 100 euro mensili ma mentre per i redditi compresi tra 8mila e 24.600 euro l’effettivo aumento sarà soltanto di 20 euro in busta paga da luglio (perchè percepivano già gli 80 euro di bonus Renzi) , per i redditi compresi tra 24.600 e 26.600, invece, l’aumento sarà un pò più alto (quei redditi non percepivano il bonus Renzi pieno, ma ridotto); infine per i redditi compresi tra 24.600 e 28mila euro ci sarà un aumento di 100 euro.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Per i redditi compresi tra 28mila e 35 mila, poi, l’aumento sarà di effettivi  960 euro annui (80 euro al mese) mentre per i redditi compresi tra 35mila e 40mila euro il bonus mensile scala all’aumentare del reddito.

E’ bene sapere, però che per i redditi fino a 28mila euro il bonus è riconosciuto in busta paga come somma aggiuntiva, mentre per i redditi compresti tra 28mila e 40mila euro non sarà riconosciuto come credito Irpef in busta paga ma come detrazione fiscale.