Calcolo Isee, residenza e nucleo familiare: chiarimenti

-
01/03/2020

Nucleo familiare e stato di famiglia: ecco cosa bisogna sapere ai fini della dichiarazione Isee.

Calcolo Isee, residenza e nucleo familiare: chiarimenti

L’isee è una dichiarazione che deve essere effettuata in base alla famiglia anagrafica presente nello stato di famiglia. Non tutte le persone conviventi, quindi, rientrano nel calcolo dell’Isee di un nucleo familiare. Con i cambi di residenza si può optare, infatti, anche per la composizione di diversi nuclei familiari facenti capo a stati di famiglia differenti. Cerchiamo di capire.

Calcolo Isee e residenza

Un nostro lettore ci scrive:

 Buon giorno nella casa di due piani (piano terra e primo piano) ereditata dai miei genitori, divisa in sette figli, risiedono tre miei fratelli. Avrei bisogno di andare a vivere e  prendere residenza con mia moglie in questa casa, di cui possiedo un settimo, per motivi contingenti. La casa ha la possibilità’ di avere due ingressi diversi. Stando alla normativa attuale non so se posso avere la residenza mantenendo il mio nucleo famigliare separato fiscalmente , nel senso che l’ISEE nostro e dei tre fratelli rimanga separato. Ci sono degli adempimenti particolari da compiere eventualmente? Rispetto ad esempio sulle utenze acqua, luce.

Cordialmente la saluto e ringrazio.

Per il calcolo dell’Isee si prende in considerazione il reddito e il patrimonio di ogni componente del nucleo familiare.


Leggi anche: Bonus affitti 2021 e blocco degli sfratti, per proprietari di immobili fino a 1200 euro: cos’è, come funziona e requisiti

Il nucleo familiare non sempre, però, corrisponde con la famiglia anagrafica e proprio per questo andremo a vedere le differenze tra le due definizioni.

Nucleo familiare e famiglia anagrafica

Il nucleo familiare è composto dalla famiglia anagrafica e dai soggetti che sono a carico del richiedente anche se non conviventi.

La famiglia anagrafica comprende le persone che convivono nella stessa casa e sono legate da vincoli di matrimonio, di parentela, affettivi (si pensi ai conviventi non sposati) e risulta dallo stato di famiglia che rilascia il comune.

Il nucleo familiare, invece, comprende anche persone che possono non essere conviventi ma sono fiscalmente a carico (si pensi ai figli che studiano fuori sede).

Nucleo familiare e stato di famiglia

In alcuni casi se si ha la residenza con altri nuclei familiari è possibile richiedere  stati di famiglia separati dichiarando che nella stessa  residenza convivono 2 nuclei familiari distinti. Ma non sempre è possibile.

Per legge la famiglia è composta da persone che sono legate da vincoli di matrimonio, di parentela, affettivi ecc… Solo se mancano questi legami è possibile parlare di nuclei familiari distinti ed è possibile richiedere stati di famiglia differenti. Vivere con genitori o con fratelli, essendoci vincolo di parentela, non permette la richiesta di stati di famiglia distinti e il nucleo familiare sarà unico.

Per la dichiarazione ISEE, poi, si deve far riferimento obbligatoriamente al nucleo familiare che risulta in comune.

Nel suo caso, quindi, prendendo la residenza dove la hanno anche i suoi fratelli questi ultimi farebbero parte dello stesso nucleo familiare suo e di sua moglie, rientrando, obbligatoriamente nel calcolo Isee.

Per mantenere i nuclei familiari distinti e non far rientrare i suoi fratelli nella dichiarazione Isee sua e di sua moglie l’unica soluzione è separare l’abitazione in due appartamenti distinti (interno 1 e 2, per esempio) lasciando la residenza dei suoi fratelli in una della due e riservando la seconda per la residenza sua e di sua moglie. Ma non so se questo è possibile catastalmente, dovreste informarvi al Comune e capire quali sono i passi da compiere in tal senso prima di cambiare la residenza.


Potrebbe interessarti: Bonus autonomi da 1000 euro nel 2021: requisiti delle nuove indennità del decreto Ristori 5