Casa integrazione anche per gli assunti tra il 24 febbraio e il 17 marzo, le novità

-
16/04/2020

Cassa integrazione per emergenza coronavirus, ampliati i beneficiari: rientrano anche i lavoratori assunti dal 24 febbraio al 17 marzo 2020, i chiarimenti Inps

Casa integrazione anche per gli assunti tra il 24 febbraio e il 17 marzo, le novità

La cassa integrazione per emergenza coronavirus viene estesa anche agli assunti tra il 24 febbraio e il 17 marzo 2020, a darne ufficialità è il messaggio Inps n. 1607/2020. Oltre a chiarire l’estensione degli ammortizzatori sociali, il messaggio invita i datori di lavoro che già hanno presentato istanza di cassa integrazione di inviare una domanda integrativa. Il periodo è lo stesso di quello originariamente richiesto e dev’essere integrato per i lavoratori che in prima istanza non entravano nel novero dei beneficiari. 

Decreto liquidità e ampliamento dei beneficiari della cassa integrazione

Ad estendere la cassa integrazione anche ai lavoratori assunti tra il 24 febbraio e il 17 marzo scorso, è stato il decreto legge di liquidità n. 23/2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 94 dell’8 aprile 2020. 

Messaggio Inps numero 1607 del 14 aprile 2020

Il messaggio Inps n. 1607 del 14 aprile 2020 riporta le indicazioni per integrare la cassa integrazione per i nuovi beneficiari, inizialmente esclusi. Nello specifico chiarisce che: “le aziende che hanno già trasmesso domanda di accesso alle prestazioni con causale “COVID-19 nazionale” possono inviare una domanda integrativa, con la medesima causale e per il medesimo periodo originariamente richiesto, con riferimento ai lavoratori che prima non rientravano tra i beneficiari della prestazione”.

Ricorda che il termine di scadenza per inoltrare le domande è fissato alla fine del quarto mese successivo a quello di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa con decorrenza dalla data odierna.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Il messaggio, inoltre, precisa che per consentirne la corretta gestione, nel campo note dovrà essere indicato il protocollo della domanda integrata.

Leggi anche: Cassa integrazione Covid-19, due modalità di pagamento: diretta Inps o datore di lavoro