Cashback di Natale, rimborsi in arrivo entro fine febbraio 2021: 150 euro per 100mila persone

-
11/01/2021

Cashback di Natale, rimborsi in arrivo entro fine febbraio 2021: 150 euro per 100mila persone

Si chiude ufficialmente l’operazione cashback di Natale. I cittadini che hanno partecipato sono più di 5,8 milioni. Le spese effettuate con metodi di pagamento elettronici e tracciabili daranno luogo a oltre 220 milioni di euro di rimborsi. Complessivamente, beneficeranno dei pagamenti circa 3,2 milioni di persone. La differenza rispetto ai cittadini rimasti esclusi si spiega con il mancato superamento della soglia.

L’operazione si è rivelata un grande successo per la pubblica amministrazione, con un tasso di partecipazione superiore alle stime iniziali. A renderlo noto è stata la stessa Presidenza del Consiglio, evidenziando il numero delle persone registrate e l’elevato coinvolgimento nell’operazione iniziata lo scorso 8 dicembre 2020 e terminata al 31/12. Gli strumenti di pagamento registrati all’interno dell’App IO in questo lasso di tempo sono stati oltre 9,8 milioni, mentre le transazioni effettuate hanno toccato quota 63 milioni.


Leggi anche: Bonus auto 2021, il Senato approva il rifinanziamento degli incentivi per 350 milioni

Cahsback di Natale: quando arrivano i rimborsi relativi alla fase sperimentale

Rispetto al quadro appena evidenziato, ora sono in molti a chiedersi quando arriverà il rimborso per le spese registrate durante il periodo sperimentale del cashback. L’erogazione avverrà in favore di tutti coloro che hanno effettuato almeno 10 acquisti. L’importo medio del rimborso è stimato a poco meno di 70,00 euro, mentre circa 100mila cittadini potranno ricevere il plafond pieno (corrispondente a 150 euro).

Sul totale complessivo di 3,2 milioni di partecipanti, resta però esigua la percentuale di coloro che sono riusciti a sfruttare in pieno il nuovo strumento di rimborso. Appena il 3,1% è stata infatti in grado di ottenere la cifra massima. Mentre oltre un terzo dei partecipanti ha generato un rimborso inferiore alle 50,00 euro.

D’altra parte, sulle statistiche potrebbero aver pesato le difficoltà iniziali dovute alla fase sperimentale e ai problemi tecnici che si sono verificati i primi giorni di operatività. Per quanto concerne invece la data entro la quale saranno eseguiti i rimborsi, è previsto che tutti i pagamenti saranno completati verso la fine di febbraio ed entro il 1° marzo 2021.

Le regole per il cashback e il super cashback a partire dal 1° gennaio 2021

Finita la fase sperimentale, si entra nel vivo del meccanismo di cashback. Lo Stato ha accantonato 1,347 miliardi di euro per sostenere l’operazione. I rimborsi saranno garantiti fino all’utilizzo completo dello stanziamento, eventualmente rimodulando i rimborsi nel caso in cui non dovessero risultare sufficienti. Le nuove regole prevedono che la soglia delle operazioni minime per ricevere un rimborso è estesa a 50 operazioni.


Potrebbe interessarti: Pensioni, pagamento anticipato di agosto 2021 dal 27/7: il calendario e le informazioni da conoscere

Per raggiungere il traguardo si avrà però a disposizione un intero semestre. Mediamente, saranno quindi sufficienti circa 8 o 9 operazioni al mese al fine di rientrare nell’operazione cashback. Aumentano anche i premi a disposizione dei cittadini. Infatti, oltre al rimborso di 150 euro si potrà beneficiare anche di un super cashback di 1500 euro. Quest’ultimo sarà disponibile in favore dei primi 100mila cittadini che avranno effettuato il maggior numero di transazioni tracciate tramite mezzi di pagamento elettronici.

Cashback 2021: possibile far valere anche i pagamenti per bollo auto, multe e assicurazioni

Nell’ambito delle regole di funzionamento del nuovo cashback, è importante sottolineare che risulteranno validi anche i pagamenti effettuati per bollo auto, assicurazioni, rifornimenti di carburante e multe. I pagamenti non devono però essere effettuati online. Per partecipare sarà quindi indispensabile eseguire l’acquisto direttamente presso le agenzie assicurative, i tabaccai, gli uffici postali o comunque gli esercenti fisici che consentono il servizio.

La possibilità d’includere queste operazioni permette d’incrementare il numero di transazioni e allo stesso tempo di veder aumentare anche l’importo del quale si potrà beneficiare al termine dell’operazione cashback. In pratica, i partecipanti potranno ottenere uno sconto del 10% sul valore di quanto speso, che verrà restituito all’interno delle 150 euro rimborsate al termine del semestre.