Chi ha ricevuto il bonus 600 euro può chiedere 1.000 euro come contributo a fondo perduto

-
13/06/2020

Chi ha ricevuto il bonus 600 euro può chiedere 1.000 euro come contributo a fondo perduto, le novità del decreto Rilancio, tutte le istruzioni.

Chi ha ricevuto il bonus 600 euro può chiedere 1.000 euro come contributo a fondo perduto

Chi ha ricevuto il bonus 600 euro può chiedere il contributo a fondo perduto, queste sono le novità inserite nel decreto. Gli artigiani e i commercianti che per il mese di marzo e aprile hanno ricevuto il bonus di 600 euro possono richiedere il contributo a fondo perduto, in sostituzione della tranche di maggio non prevista per queste categorie e coltivatori diretti.

Bonus 600 euro e 1.000 euro a fondo perduto

Il bonus 600 euro per gli autonomi è stato previsto con i Dl 18/2020 e Dl 34/2020, comprendendo i mesi di marzo e aprile, lasciando fuori il mese di maggio 2020. La tranche di maggio è venuta meno perché è sostituita dal contributo a fondo perduto, anche se sono due cose ben diverse, ma non c’è incompatibilità fra le due misure, ma anzi viene consigliato di aderire a coloro che hanno bisogno per ripartire.

La corsa alle domande è iniziata e prevede un importo minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 per le società, l’istanza può essere presentata dal 15 giugno e non oltre il 13 agosto. 

Il contributo a fondo perduto può essere richiesto da: partita Iva, imprese o titolari di reddito agrario, la condizione che ne da diritto è che siano in attività alla data della presentazione dell’istanza. 


Leggi anche: Bancomat, no dell’Antitrust alla commissione da 1,5 euro

Possono fare domanda del contributo a fondo perduto anche le neo-partita Iva, aperte ad esempio inizio marzo 2020, che non ha potuto beneficiare del bonus 600 euro, che prevedeva l’attivazione dal 23 febbraio. Questi soggetti, non potendo dimostrare un calo dell’attività professionale, potrebbero ricevere il contributo a fondo perduto di 1.000 euro in base all’art. 84 del Dl 34/2020 per i soggetti iscritti alla gestione separata. Ma i dubbi su questa casistica sono tanti e quindi l’Inps dovrebbe chiarisse in tempi brevi quali sono i requisiti effetti per poter accedere a tale indennità.

Sono esclusi al momento i lavoratori autonomi iscritti alle casse di previdenza privatizzate.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una guida con tutti i chiarimenti e le modalità per fare domanda, la guida è scaricabile qui: Guida_FondoPerduto_DEF