Chiudere un conto corrente dove c’è il mutuo, è possibile?

-
01/01/2020

E’ possibile chiudere un conto corrente su cui è appoggiato il mutuo? Cerchiamo di capire cosa fare e se è fattibile.

Chiudere un conto corrente dove c’è il mutuo, è possibile?

Il più delle volte anche avendo già un conto corrente, per stipulare un mutuo presso una banca diversa da dove si detiene il conto corrente, si è costretti ad aprire un altro conto anche con condizioni svantaggiose. Per evitare l’aggravio dei costi duplicati, ci si chiede se è possibile chiudere il conto corrente su cui è stato appoggiato un mutuo o anche un finanziamento.

Estinguere un conto corrente con mutuo: i chiarimenti

Il codice civile chiarisce che: “se l’operazione regolata in conto corrente è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, dandone preavviso entro 15 giorni o nel termine stabilito dagli usi.” (Art. 1855 del Codice Civile)

Da questo si evince che l’estinzione del conto corrente è un diritto per il cliente, quindi il cliente può chiudere il conto corrente dove è appoggiato salvo diverse indicazioni previste nella stipula di contratto. Inoltre, la legge consente di trasferire il mutuo presso un’altra banca che concede condizioni migliori senza ulteriori oneri e senza decadere dai benefici fiscali.

Va ricordato che il decreto Salva-Italia ha considerato scorretta la pratica commerciale della banca o istituto di credito che ai fini della stipula di un contratto di mutuo o finanziamento obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa della medesima banca.


Leggi anche: Naspi pagamento Inps di gennaio 2021: che giorno arriva la disoccupazione

Per approfondimenti sull’argomento, consigliamo di leggere: Surroga mutuo con imposizione di sottoscrivere polizza assicurativa

Fonte normativa: Art. 1855 del Codice Civile