Come iscriversi al centro per l’impiego: documenti

-
19/11/2020

Centro per l’impiego, o meglio conosciuto come CPI. In questo articolo vedremo che cosa è, perchè è utile e come iscriversi.

Come iscriversi al centro per l’impiego: documenti

cpi-centro-impiego

Il Centro per l’impiego è un ufficio che mette in comunicazione persone che cercano lavoro e aziende che cercano personale.

Nati dalla riforma del collocamento, con il D.Lgs. 496/97, i CPI non sono altro che i vecchi uffici di lavoro a cui sono affidate nuove competenze.

La riforma ha abolito il tesserino C1, e il libretto di lavoro.

In compenso, ha introdotto un nuovo concetto di stato di disoccupazione. Ai sensi del suddetto decreto, infatti, sono considerati disoccupati solo coloro che si presentano al centro per l’impiego competente e dichiarano la propria immediata disponibilità al lavoro.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Vediamo ora cosa sono i centri per l’impiego e come iscriversi.

Centro per l’impiego, ecco come iscriversi

L’iscrizione ai CPI, completamente gratuita e non obbligatoria, è aperta a tutti i cittadini di età compresa tra i 15 e i 65 anni. L’importante è che abbiano assolto l’obbligo scolastico: la scuola media e un anno di scuola superiore.

Più nello specifico, ai centri per l’impiego si rivolgono cittadini italiani e stranieri, residenti o domiciliati in Italia, che non lavorano o che desiderano cambiare lavoro, pur essendo occupati; i lavoratori beneficiari di strumenti di sostegno al reddito, che hanno un rapporto di lavoro, ma sono rischio disoccupazione.

Inoltre, i CPI svolgono le seguenti attività:

  • iscrizione alle liste di mobilità, agli elenchi e alle graduatorie delle categorie protette
  • registrazione delle assunzioni;
  • trasformazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro;
  • informazioni sul lavoro all’estero;
  • accesso alle selezioni nelle pubbliche amministrazioni per figure per cui non è previsto un concorso;
  • informazioni sulle opportunità di lavoro;
  • corsi di formazione professionale;
  • informazioni sulle normative, i contratti e le aziende del territorio.

Infine, rilascia i certificati che serviranno per la ricerca di lavoro e la valutazione delle competenze formando in questo modo il curriculum che andrà inserito in una banca dati per l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro.


Potrebbe interessarti: TIM, offerta imperdibile per bonus 500 euro: Oltre al tablet si potrà scegliere anche il PC

Quali documenti servono per l’iscrizione

Per iscriversi bisogna recarsi presso gli sportelli del centro per l’impiego oppure trovarli sul sito dell’Agenzia del lavoro della regione di residenza o domicilio. I documenti che servono sono i seguenti:

  • documento di identità valido;
  • codice fiscale/tessera sanitaria;
  • permesso di soggiorno (originale e in fotocopia), per i cittadini stranieri.

È importante ricordare che i cittadini che hanno perso il lavoro, devono iscriversi entro 40 giorni da quando hanno smesso di lavorare.

Lo stato di disoccupazione inizia il giorno in cui viene rilasciata la DID, Dichiarazione di immediata disponibilità e, se spetta, si può chiedere l’indennità di disoccupazione.

A prescindere dalla residenza, è possibile rispondere alle offerte di lavoro anche di un’altra regione. A tale proposito, ricordiamo che, a richiesta dell’interessato, si può trasferire l’iscrizione, ma è obbligatoria la cancellazione dal precedente centro per l’impiego.