Conad-Auchan, quali sono le prossime tappe dell’integrazione?

-
04/09/2019

Terminata l’acquisizione della catena francese di supermercati e ipermercati da parte di Conad, quali saranno i prossimi passi per l’integrazione?

Conad-Auchan, quali sono le prossime tappe dell’integrazione?

Conclusa l’operazione Conad-Auchan, quali sono i prossimi step per integrare definitivamente i punti vendita della rete Auchan Retail Italia all’interno del gruppo cooperativo?

Integrazione Conad-Auchan

Come avevamo già scritto in un articolo recente, la società cooperativa italiana Conad ha completato l’acquisizione dei punti vendita Auchan presenti sul territorio. I prossimi step per la totale e definitiva integrazione sono ancora poco chiari. Le date, però, sono state decise: entro ottobre o, mal che vada, entro novembre di quest’anno. è previsto il cambio insegna di ben 39 negozi. Si tratta dei punti vendita più profittevoli, che si trovano perlopiù al Nord Italia.

La società italiana ha confermato che, dai prossimi mesi, verrà avviata la ristrutturazione dei punti vendita che rimarranno in capo a Auchan-Bdc. L’intento è quello di ricostituire per il maggior numero possibile di essi quelle condizioni di sostenibilità economica che ne possano consentire in un momento successivo il passaggio diretto a Conad.

Difficoltà e incertezze

Per Conad l’integrazione non sarà così facile come sembra. Sarà infatti fondamentale curare non soltanto i negozi in sé, ma soprattutto chi ci lavora. E’ per questo che la società sta trattando con le parti sociali di ogni singolo punto vendita per garantire loro delle buone condizioni lavorative.

Per quanto riguarda la questione ipermercati, Conad è ancora incerta e sta riflettendo sul da farsi. Per ogni singola struttura, infatti, la società sta valutando quanto possa essere conveniente una riconversione in confronto al trasferimento diretto alla cooperativa.


Leggi anche: Soldi depositati in banca: non sono più i tuoi, a dirlo la legge

Ti potrebbe interessare anche: Pensioni lavori usuranti: quanti anni di lavoro usurante occorrono per il riconoscimento