Concorsi pubblici: ecco i requisiti per partecipare alle selezioni

-
20/04/2020

I concorsi pubblici prevedono che i partecipanti siano in possesso di requisiti generici e specifici. Ecco quali sono i requisiti generici.

Concorsi pubblici: ecco i requisiti per partecipare alle selezioni

Per poter partecipare ai concorsi pubblici, i candidati devono possedere dei requisiti specifici e generali. Il più importante requisito specifico è il titolo di studio (diploma o laurea) in riferimento al profilo professionale messo a concorso. Sono considerati titoli specifici, anche, l’indicazione dell’esperienza acquisita precedentemente, l’iscrizione ad un albo o ad una specializzazione. I requisiti generici, invece, sono quei requisiti comuni a tutti i bandi di concorso. Vediamo, quindi, quali sono i requisiti generici che i candidati devono possedere per partecipare ad una selezione pubblica.

Concorsi pubblici e requisiti generici

Per partecipare  ai concorsi, oltre ai requisiti specifici, i candidati devono possedere i requisiti generici elencati di seguito:

a)Cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea. Di solito, per comodità negli articoli indichiamo solo questa “frase”. In realtà, ai sensi dell’art. 38 del d.lgs 165/01 e sue modifiche, possono partecipare ai concorsi anche i familiari dei cittadini italiani ed europei che non hanno la cittadinanza in un Paese UE, purché abbiano un permesso di soggiorno. I cittadini di Paesi terzi o dello status di rifugiati, invece, devono essere in possesso non solo del permesso di soggiorno, ma anche di un’adeguata conoscenza della lingua italiana.

b)Età non inferiore a 18 anni e non superiore al periodo di pensionamento.


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

c)Idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni proprie del posto da ricoprire, che sarà accertata dall’ente che pubblica il concorso.

d)Godimento dei diritti civili e politici. Pertanto, non possono accedere agli impieghi gli esclusi dall’elettorato politico attivo.

e)Non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione a causa di un persistente rendimento insufficiente. Non possono partecipare ai concorsi coloro che sono stati dichiarati decaduti da un impiego statale.

f)Non riportare condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti che impediscano la costituzione del rapporto d’impiego con la pubblica amministrazione.

g)Essere in una posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva (ovviamente questo vale solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31 dicembre del 1985).

Infine, in base a quanto stabilito dall’art. 37 d.lgs 165/2001, i bandi di concorso prevedono anche la conoscenza delle seguenti competenze che saranno valutate durante la prova orale:

1)uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse,

2)almeno una lingua straniera.