Concorsi pubblici: novità post coronavirus 2020

-
13/04/2020

Il Decreto-Legge n. 18/2020 Cura Italia ha sospeso le procedure concorsuali fino al 16 maggio. Ecco quali saranno le novità per i concorsi dopo tale data.

Concorsi pubblici: novità post coronavirus 2020

Come è noto, il decreto Cura Italia, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 18 del 17 marzo 2020, ha introdotto novità anche sui concorsi pubblici. Infatti, a causa dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo il Governo ha sospeso le prove d’esame dei concorsi per due mesi. Ora avvicinandoci al termine dei sessanta giorni, e vedendo i primi segnali di miglioramento, il riavvio della prove concorsuali potrebbe realizzarsi concretamente. Quindi, vediamo quali sono le novità inerenti le procedure concorsuali dopo il coronavirus.

Concorsi pubblici: più veloci e semplificati

Il Decreto-Legge n. 18/2020 Cura Italia ha sospeso le procedure concorsuali, ovvero le preselezioni e le prove d’esame “in presenza” dei concorsi che si sarebbero effettuati in questo periodo. I bandi, invece, così come si evince dalla Gazzetta Ufficiale, continuano a essere pubblicati. 

Il Ministro della pubblica amministrazione, Fabiana Dadone, ha confermato che i concorsi non si fermano ma c’è bisogno di “una norma che consente di semplificare e accelerare l’ingresso di nuove forze nel pubblico impiego”. 

Tutto questo per rendere le procedure concorsuali più veloci e semplificate, prevedendo:

√test di accesso più rapidi;

√requisiti più specifici per limitare il numero di candidati;

√utilizzo di procedure informatiche anche per preselezioni a distanza.

Queste novità saranno introdotte nel decreto Cura Italia, attualmente alla Camera in seconda lettura, e potrebbero essere valide fino al 31 dicembre 2020, con la possibilità di essere confermate in seguito. Se ciò accadesse, porterebbe a un cambiamento nelle “regole” per la partecipazione ai concorsi pubblici.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Non resta che aspettare ulteriori aggiornamenti.

Leggi anche: Novità concorsi scuola, possibile annullamento?