Concorso INAIL, INL rivolto a 1514 nuove unità di lavoro

-
30/08/2019

E’ stato indetto un nuovo bando di concorso da parte di RIPAM per poter lavorare in INAIL e INL. Di seguito tutte le informazioni da sapere.

Concorso INAIL, INL rivolto a 1514 nuove unità di lavoro

Un’altra buona notizia giunge dal mondo del lavoro e in particolare dalla Commissione Riqualificazione delle pubbliche amministrazioni (RIPAM) la quale ha infatti pubblicato una selezione pubblica per l’assegnazione di 1514. Tali posti sono così suddivisi: n. 691 posti per il profilo di Ispettore del lavoro, Area III – F1, per il ruolo dell’Ispettorato nazionale del lavoro, di cui n. 64 riservati al personale di ruolo dell’Ispettorato nazionale del lavoro;

n. 823 per il profilo di Funzionario area amministrativa giuridico contenzioso, di cui: n. 131 per il profilo di Funzionario area amministrativa giuridico contenzioso, Area III – F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro. Si precisa che 13 posti sono riservati al personale di ruolo dell’Ispettorato nazionale del lavoro;

n. 635 posti per il Profilo professionale amministrativo, Area C, livello economico C1, da inquadrare nei ruoli dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Si precisa che 127 riservati al personale di ruolo dell’INAIL;

n. 57 posti per il profilo di Funzionario area amministrativa giuridico contenzioso, Area funzionale III – F1, da inquadrare nei ruoli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. 6 posti sono riservati al personale di ruolo nella medesima professione.


Leggi anche: Dichiarazione dei redditi 2021 e invio all’Agenzia delle Entrate: le scadenze, quando si fa e chi deve farla

Inoltre, è previsto che il 30% dei posti è riservato ai volontari delle FF.AA.

Tutte le informazioni sul nuovo bando di concorso RIPAM

Quali sono i requisiti richiesti?

Per poter partecipare al concorso bisogna possedere i seguenti requisiti:

– cittadinanza italiana;

– età non inferiore a diciotto anni;

– idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce. Tale requisito sarà accertato prima dell’assunzione all’impiego;

– godimento dei diritti civili e politici;

– non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;

– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento o non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale;

– non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;

– per i candidati di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva.

Sono richiesti anche uno dei seguenti titoli di studio:

Per la carriera di ispettore del lavoro:

– lauree Magistrali (LM) in LMG/01 Giurisprudenza; LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni;

– lauree specialistiche (LS) in 22/S Giurisprudenza; 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica;

– diploma di laurea (DL) in Giurisprudenza;

– laurea (L) in L-14 Scienze dei servizi giuridici, L-16 Scienze dell’Amministrazione e dell’organizzazione, L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali.

Per la carriera di funzionario area amministrativa:

– lauree Magistrali (LM) in LMG/01 Giurisprudenza; LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni; LM-62 Scienze della politica;

– lauree specialistiche (LS) in 22/S Giurisprudenza; 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica; 71/S Scienze delle Pubbliche amministrazioni; 70/S Scienza della Politica;


Potrebbe interessarti: Mutui casa: sospensione Covid e crisi economica, come richiederla e quando diventa possibile

– diploma di laurea (DL) in Giurisprudenza;

– classi di Laurea (L) in L14 Scienze dei servizi giuridici, L16 Scienze dell’Amministrazione e dell’organizzazione, L36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali.
per il Profilo professionale amministrativo:

– laurea (L), diploma di laurea (DL), laurea specialistica (LS), laurea magistrale (LM).

L’iter del concorso

L’iter del concorso prevede una valutazione dei titoli e l’espletamento di diverse prove d’esame.

Scendendo nello specifico sono previste una prova preselettiva, un esame scritto ed un colloquio.

Le ultime due prove verteranno su argomenti diversificati in base ai singoli profili professionali messi a bando.

Come fare domanda?

E’ possibile presentare domanda di partecipazioni entro il giorno 11 ottobre 2019 esclusivamente per via telematica, attraverso la compilazione del modulo on line tramite il sistema “Step-One 2019” alla seguente pagina.

Per poter partecipare al bando si dovrà versare una somma pari a 10 €.

Per avere ulteriori informazioni sul concorso, vi invitiamo a leggere il bando pubblicato sulla GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 68 del 27-08-2019 e a visitare il portale web di Formez PA.

Leggi anche: Bando di Concorso Marina Militare: richiesti 2200 volontari in VFP1