Concorso scuola: da reclutare 66mila insegnanti

Concorso per 66 mila docenti con una doppia corsia preferenziale per i precari di vecchia data. Ecco le novità

Il ministro delle istruzioni Marco Bussetti ha deciso di introdurre nuove regole e una doppia sanatoria per i precari di lungo corso.

L’introduzione della Quota 100 farà sì che i pensionamenti anticipati favoriscono le nuove assunzioni. E ciò accadrà innanzitutto nell’ambito scolastico, con l’assunzione di 66 mila insegnanti.

Scuola: 66mila insegnanti in arrivo

Saranno reclutati 66 mila docenti in più trance.

La prima trance sarà da 16.959 posti, che riguarda docenti per la scuola dell’infanzia e primaria; la seconda trance sarà di 48.536 posti per i docenti per le scuole medie e superiori.

Ci sarà anche una doppia sanatoria per i precari di lungo corso e nuove regole per garantire continuità didattica agli studenti. Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti ha inoltre previsto anche che le graduatorie saranno regionali e non bisognerà più svolgere il triennio di “praticantato”.

Scuola; ecco i posti a disposizione

Per il concorso ordinario per infanzia e primaria, potranno partecipare i diplomati magistrali ante 2001/2002, compresi quelli esclusi dalla procedura straordinaria indetta lo scorso anno e ancora tutt’oggi in corso, e i laureati in scienze della formazione primaria.

Per le scuole secondarie, invece, saranno messe al bando 48.536 cattedre, per metà alle scuole medie e l’altra metà alle scuole superiore. Qui potranno concorrere anche laureati con 24 crediti informativi in materie antro-psico-pedagogiche. Per i laureati che sono già abilitati non verranno richiesti i crediti formativi. Le regioni con maggiore richiesta, soprattutto per le scuole superiori sono: Lombardia, Piemonte e Veneto. La richiesta di personale è rivolta alle seguenti classi di concorso: matematica e scienze (A028), italiano, storia, geografia (A022), discipline letterarie alle superiori (A012) e sostegno.

I due concorsi ordinari saranno banditi con molta probabilità prima dell’estate, per questo per il nuovo anno scolastico per coprire i posti lasciati vuoti, anche grazie alla quota 100, si ricorrerà a nuovo precariato. Si prevede una richiesta di 100 mila supplenti.

Scuola: norme a tutela dei precari

È stata stabilita dal Miur una doppia corsia preferenziale per i precari supplenti da oltre 36 mesi. In primo luogo verrà riservata una quota del 10% dei posti ai precari, ma con molta probabilità questa percentuale crescerà grazie all’intervento parlamentare che ha intenzione di triplicata con una norma nel decreto crescita. Verrà, anche, stabilito un “super punteggio” attribuito ai titoli. Ai requisiti accademici, scientifici e professionali dovrebbero essere riconosciuti 20 punti. Anche i dottorati di ricerca, le abilitazione pregressa, il superamento prove di una precedente selezione verranno valorizzati.

Il concorso dovrebbe essere strutturato su due scritti, che verranno superati con la votazione di sette decimi, con l’abolizione dei quiz selettivi. L’orale si svolgerà con un colloquio per appurare le conoscenze e le competenze nelle discipline del concorso per cui si si concorre. Bisogna essere anche a conoscenza della lingua straniera con un livello B2.

Per Chi concorre invece per il sostegno la prova si svolge in un solo scritto rivolto soprattutto alla conoscenza della pedagogia speciale, didattica per l’inclusione scolastica e relative metodologie.

In seguito al superamento delle prove gli insegnanti faranno un anno di formazione e prova e successivamente saranno confermati al ruolo. I nuovi insegnanti saranno obbligati a rimanere per i primi quattro anni nello stesso istituto.

Concorso Scuola Personale ATA: 10.000 posti di lavoro, bando regione per regione

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.