Congedo straordinario legge 104 per la zia disabile, è possibile?

Congedo straordinario con legge 104: Buongiorno, assisto mia zia ultra80. Potrei beneficiare del congedo  biennale abitando a 100 mt da Lei? Oppure è obbligo la coabitazione? Grazie. Buon lavoro e serena giornata.

 

Per poter fruire del congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3), ci sono due requisiti fondamentali: il diritto di priorità e il diritto di convivenza o coabitazione. Esaminiamo i due requisiti, rispondendo al quesito posto dal nostro lettore.

Congedo straordinario con legge 104: diritto di priorità

L’art. 4 del Decreto Legislativo 18 luglio 2011, n.119 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27 luglio 2011 ed entrato in vigore l’11 Agosto 2011, ha modificato l’art. 42 – comma 5 del decreto legislativo 151/2001. Le novità introdotte non hanno variato la platea dei fruitori, ma hanno stabilito un preciso ordine di priorità per l’accesso al beneficio che è fissato come segue:

  • coniuge convivente con la persona con disabilità grave (cfr. Corte Costituzionale, sentenza n. 158 del 18.4.2007) e componenti dell’unione civile conviventi equiparati al coniuge dalla Legge 20 maggio 2016, n. 76  (detta legge Cirinnà);
  • in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti, subentrano i genitori anche adottivi;
  • in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti, subentrano i figli conviventi (cfr. Corte Costituzionale, sentenza n. 19 del 26.1.2009);
  • in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti, subentrano i fratelli conviventi (cfr. Corte Costituzionale, sentenza n. 233 del 6.6.2005);
  • e in ultimo, il parente o l’affine entro il terzo grado convivente in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti degli altri soggetti individuati dalla norma, a prendersi cura della persona in situazione di disabilità grave (cfr. Corte Costituzionale, sentenza n. 203 del 18 luglio 2013).

L’ordine di priorità è vincolante, l’Inps riporta: “hanno titolo a fruire del congedo straordinario i lavoratori dipendenti secondo l’ordine di priorità, che degrada solo in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei primi (circ. n. 32/2012 e circ. n. 159/2013)”.

Per saperne di più, consigliamo di leggere: Congedo straordinario con legge 104, il diritto di priorità è vincolante, ecco gli aventi diritto

Congedo straordinario: requisito di convivenza o coabitazione

Il requisito della convivenza si intende soddisfatto quando risulta la concomitanza della residenza anagrafica e della convivenza, ossia della coabitazione. Questo requisito deve essere provato mediante produzione di dichiarazione sostitutiva (D.P.R. 445/20000 artt. 46 e 47).

Il requisito di convivenza si ritiene soddisfatto anche solo con la residenza nel medesimo stabile, stesso numero civico, ma anche nello stesso appartamento. (Messaggio Inps n. 6512/2010).

Per tutte le informazioni consigliamo di leggere: Congedo straordinario con Legge 104, requisito di convivenza o coabitazione, ecco di cosa si tratta

Dimora Temporanea: come fare richiesta

E’ possibile fare richiesta del congedo straordinario anche chiedendo la dimora temporanea del familiare disabile. 

Il registro della popolazione temporanea è un particolare tipo di registro che permette, a chi non ha ancora deciso di stabilirsi definitivamente, di segnalare la propria situazione al Comune in cui ha fissato temporaneamente la propria dimora.

La dimora temporanea è infatti la permanenza in un luogo, solo per un certo periodo di tempo, per motivi di studio, lavoro, salute o famiglia. Questo tipo di richiesta serve per evitare che il Comune di effettiva residenza cancelli l’interessato dalla propria anagrafe durante il periodo di assenza.

Per tutte le informazioni, leggi: Congedo straordinario legge 104, come chiedere la dimora temporanea per fruire del beneficio

Conclusioni

Dopo aver esaminato i vari requisiti, lei può fare richiesta del congedo biennale, se gli altri familiari aventi diritto, sono mancanti o affetti da patologie invalidanti certificate. Per il congedo straordinario è richiesto il requisito di convivenza o coabitazione, nel suo caso può ovviare, facendo richiesta della dimora temporanea.

 Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.