Consegne a domicilio pizzerie e pub: blocco coronavirus fino a che ora?

-
11/03/2020

Consegna a domicilio per ristoranti, pub e pizzerie, dopo le 18,00 è possibile? Vediamo cosa prevedono le limitazioni del Governo per l’emergenza del Coronavirus.

Consegne a domicilio pizzerie e pub: blocco coronavirus fino a che ora?

Con le misure restrittive per emergenza coronavirus, tanti i dubbi se le consegne a domicilio di cibi e bevande, dopo la chiusura decisa dal Governo, è possibile effettuare le consegne evitando il contatto con il pubblico. Da ieri 10 marzo tutta l’Italia è considerata zona arancione, come l’ha definita il premier Conte, che ha predisposto nel provvedimento la chiusura di bar e ristoranti alle ore 18, per evitare assemblaggio di persone evitando la possibilità di contagio. 

Nelle indicazioni fornite dal Governo, sotto forma di FAQ, sono specificati tutte le possibili varianti e come comportarsi in questi casi.

Consegne a domicilio: Faq fornite dal Governo sull’emergenza coronavirus

Le attività di attività di bar e ristorazione hanno l’apertura dalle 6.00 alle 18.00. Il gestore deve predisporre le condizioni necessarie per garantire la distanza di sicurezza di interpersonale di almeno un anno, chi non si adegua rischia la sospensione dell’attività.

Il limite di orario per la ristorazione e bar dalle 6,00 alle 18,00 solo per l’apertura al pubblico. L’attività può proseguire negli orari di chiusura al pubblico mediane consegne al domicilio. Sarà cura dell’attività di consegna a domicilio di evitare il contatto personali al momento della consegna.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Quindi, pizzerie e pub possono continuare ad esercitare l’attività dopo le 18,00, solo con le consegne a domicilio ed evitando il contatto con i clienti.

Ricordiamo che per limitare il contagio del Coronavirus tutta l’Italia è soggetta a limitazioni e le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse fino al 3 aprile 2020. Da un’ultima indagine è risultato che il  22% dei pazienti risultato positivo al tampone per Sars – CoV -2 ha un’ età compresa tra i 19 e 50 anni. Nessuno è immune al contagio, bisogna rispettare le limitazioni, un maggior senso di responsabilità per tutti i cittadini a tutela dei più deboli.

Leggi anche: Coronavirus: 1 paziente su 5 positivo al test con età tra i 19 e 50 anni

Aggiornamento 11 marzo 2020

Il premier Conte ha annunciato la chiusura di tutti gli esercizi commerciali, tranne quelli di generi alimentari.Pub e pizzerie potranno continuare l’esercizio della loro attività solo con consegne a domicilio, dovranno rispettare la chiusura al pubblico per l’intera giornata.