Contanti e detrazioni 2020: proroga ufficiale al 1° aprile

-
11/02/2020

Le ultime novità sulle detrazioni fiscali. Nel Dl Milleproroghe è stato confermato il rinvio al 1° aprile 2020 dell’obbligo dei pagamenti attraverso i sistemi tracciabili come carte, bancomat ecc.

Contanti e detrazioni 2020: proroga ufficiale al 1° aprile

Detrazioni fiscali 2020, rinviato l’obbligo della tracciabilità dei pagamenti elettronici al 1°aprile 2020. La modifica dell’obbligo degli strumenti tracciabili di pagamento arriva con un correttivo nel decreto Milleproroghe. Il Ministro dell’Economia ha colto in pieno le richieste formulate dalla Consulta dei Caf sull’evidente rischio di gran parte dei contribuenti di perdere le detrazioni fiscali, per l’effetto della scarsa informazioni sui mezzi tracciabili.

Una misura necessaria, che consente al contribuente di poter potare in detrazione le spese effettuate in modo tradizionale, ossia per contanti relative ai pagamenti effettuati all’inizio dell’anno 2020. Attraverso il correttivo i contribuenti potranno portare in detrazione tutte le spese a partire dal 1° gennaio 2020 senza distinzione tra pagamento elettronico o contante. L’introduzione dell’obbligo dei pagamenti con i mezzi elettronici, ossia carte, bancomat, bonifico o assegno scatterà dal 1° aprile 2020.

Detrazioni fiscali: l’obbligo scatta il 1° aprile

Il nuovo correttivo collegato al decreto Milleproroghe consentirà al contribuente di assicurarsi una detrazione fiscale su tutte le spese sostenute fino al 31 marzo 2020, indipendentemente dal sistema di pagamento.

Cosa accadrà dal 1° aprile 2020? Entrerà in vigore il provvedimento in via definitiva. Ciò vuol dire che, i contribuenti che non rispetteranno l’obbligo della tracciabilità dei pagamenti, non potranno portare in detrazioni le eventuali spese pagate in contanti. In sostanza, si tratta di una proroga nata per dare la possibilità al contribuente di adeguarsi ai sistemi di pagamento elettronico che garantiscono il conseguimento delle detrazioni fiscali.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Detrazioni fiscali: le spese detraibili con i pagamenti tracciabili

A far data dal 1° aprile 2020, il contribuente per poter portare in detrazione le spese nella dichiarazione dei redditi deve effettuare i pagamenti attraverso i sistemi tracciabili. In linea generale, tra le spese detraibili troviamo, i seguenti costi, quali:

  • spese mediche (escluse le spese operate con le strutture pubbliche o private accreditate al SSN);
  • attività sportive (totale spesa pari a 210 euro);
  • affitti brevi per universitari fuori sede;
  • istruzione secondaria e universitaria;
  • gli interessi passivi calcolati sul mutuo per l’acquisto della prima casa;
  • spese per premi assicurazioni (morte o invalidità) ecc. o assicurazione danni calamitosi;
  • abbonamenti trasporti pubblici, e così via.

Detrazioni fiscali: dal 1°aprile 2020 solo sistemi di pagamento tracciabili

Per beneficiare delle detrazioni fiscali il contribuente dovrà a far data dal 1° aprile 2020 obbligatoriamente eseguire i pagamenti attraverso i canali tracciabili, come:

  • carte di credito;
  • carte di bancomat;
  • carte prepagate o ricaricabili;
  • bonifici bancari o postali;
  • assegni circolari bancari o postali.