Conto corrente e Coronavirus: si rischia di perdere i soldi?

-
22/03/2020

Conto corrente e Coronavirus: si rischia di perdere i soldi?

Quanti rischi corrono i soldi presenti sul conto corrente? Si possono perdere i risparmi di una vita? Il denaro presente nel conto corrente può dissolversi per effetto di qualche normativa emanata all’improvviso? L’emergenza dell’epidemia da Covid-19 fa tremare i mercati impattando sui patrimoni dei miliardari e, l’onda anomala di certo non risparmia i piccoli investitori. I dubbi e i possibili scenari di pericoli sono tanti. In questo articolo cercheremo di prendere atto delle possibile conseguenze che potrebbero impattare sul conto corrente, vista la forte crisi sanitaria ed economica che sta attraversando il nostro Paese.

Conto corrente: i dubbi e i pericoli

I fattori da considerare sono molteplici, certamente quando si parla del rischio di perdere i risparmi presenti sul conto corrente, senza il nostro benevolo consenso cela inquietudine. Il problema è molto delicato, specialmente se si considera che siamo un popolo di risparmiatori. In sostanza, non sono pochi i soldi parcheggiati sul conto corrente, soprattutto in questo periodo di forte crisi sanitaria ed economica a titolo di possibile “emergenza”. Ma, nello stesso tempo bisogna mettere in conto che i soldi in stato di “parking”, potrebbero essere esposti a maggiori pericoli.

Conto corrente: i possibili rischi

Tante potrebbero essere le modalità che espongono i soldi sul conto corrente a possibili pericoli, non bisogna sottovalutare il dramma che vive il nostro Paese, e la risposta all’epidemia da Covid-19 per supportare l’economia potrebbe essere l’emissione di una probabile virus tax. Il Governo per arginare il debito pubblico potrebbe effettuare delle operazioni che si producano in prelievi forzosi attingendo direttamente dal conto corrente.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Altra fonte di preoccupazione è data da un possibile fallimento dello Stato italiano. In caso di default (rischio remoto) rientrerebbero tra i creditori tutti gli investitori in modo diretto, ossia con l’acquisto di titolo Btp, Bot ecc., oppure, con investimenti in fondi o prodotti simili. Ovviamente, si tratta di possibili scenari in cui la possibilità che si verifichino è abbastanza lontana, considerando che gli istituti di credito sono solidi

Conto corrente: quanto grava l’inflazione sulla liquidità

Il rischio più elevato è l’inflazione, lasciare i soldi sul conto corrente potrebbe rappresentare una sorta di “azzardo” , in quanto, il denaro viene essere esposto a un abbattimento. In proporzione ai prezzi al consumo dell’ultimo decennio i soldi presenti sul conto corrente potrebbero subire un defalcamento notevole. Una riduzione che potrebbe oscillare dal 10% fino a oltre il 28%, oltre le spese e tasse. Cosa significa? Se abbiamo messo da parte mille euro tra circa 5 anni potremmo trovare un conto azzerato o solo con qualche spicciolo.