Conto corrente o conto deposito? Ecco le caratteristiche per una buona scelta

Come effettuare una buona scelta tra conto corrente e conto deposito. Ecco cosa devi sapere

La scelta tra conto corrente e conto deposito, da parte di un risparmiatore, dipende dalle caratteristiche dei due prodotti e dalle esigenze del risparmiatore stesso.

Vediamo in base a quali caratteristiche si deve effettuare la scelta.

Conto corrente o conto deposito: caratteristiche e differenze

Il conto corrente ed il conto deposito sono due prodotti bancari che possono essere utilizzati talvolta per finalità simili, ma che si differenziano notevolmente per caratteristiche.

Il conto deposito ha come caratteristica fondamentale quello di essere uno strumento di risparmio, senza avere vincoli sulle somme depositate come, invece, avviene per altri prodotti. Un’altra caratteristica importante del conto deposito è il riconoscimento di interessi attivi sulle somme versate e la possibilità di effettuare solo operazioni di prelievo e di deposito di fondi.

I conti correnti oltre alla facoltà di prelevare e di depositare somme, dà la possibilità di altri tipi di operazioni variabili a seconda del prodotto scelto. I conti correnti non riconoscono un elevato tasso di interesse attivo, anzi a volte non viene riconosciuto neanche il minimo.

Quando scegliere un conto deposito?

Il conto deposito per le sue caratteristiche è un prodotto bancario diverso dai conti correnti. Il conto deposito viene scelto da chi dispone una somma di denaro su cui vuole un rendimento attivo. Per ottenere ciò, bisogna che la somma deve essere tenuta ferma sul conto deposito costantemente, in modo da ottenere interessi maggiori. Infatti, molti istituti di credito riconoscono ai conti deposito tassi d’interessi attivi molto più alti rispetto ai conti correnti, ma ad alcune condizioni: la somma depositata deve essere superiori a certi limiti, e che rimanga sul conto stabile per un certo periodo di tempo determinato. Questa soluzione è ideale per chi non ha necessità di utilizzare la somma depositata. Con il vantaggio di ottenere un tasso d’interesse maggiore.

Quando è preferibile un conto corrente?

Il conto deposito, talvolta non rispecchia le esigenze del risparmiatore, in quanto con esso non è possibile ricevere pagamento, come l’accredito dello stipendio, della pensione, non è possibile fare bonifici e non è collegato ad una carta di pagamento. Per poter ottenere anche questi servizi e bene associare al conto deposito, un conto corrente, anche con condizioni basilari, in questo modo si potrà usufruire di tutti i servizi di cui si necessita, senza rinunciare ai vantaggi del conto deposito.

Ideale sarebbe prendere in considerazione un conto corrente che riconosce interessi attivi, che sicuramente non saranno mai vantaggiosi come quelli dei conti deposito.

Conto deposito online o tradizionale?

Il conto deposito è un prodotto principalmente di una banca tradizionale. Ma non dobbiamo dimenticare che la prima banca on line si è presentata proponendo proprio un prodotto simile. Essa ha riscosso un certo successo grazie alle basse spese di gestione ed agli interessi riconosciuti.

Non c’è nessuna differenza tra un conto deposito on line o tradizionale; ciò che può cambiare sono le tariffe per la gestione ed il mantenimento del conto. Ma queste non dipendono sostanzialmente dal canale utilizzato ma dalla banca in cui si vuole accendere il conto.

Per poter effettuare una buona scelta è opportuno confrontare i diversi prodotti che una banca vi può offrire e confrontarli anche con quelli di altre banche. I parametri da prendere in considerazione per una scelta ottimale sono: gli interessi attivi riconosciuti, le spese da sostenere per il conto.  È bene valutare anche il caso di aprire due conti o solo il conto corrente che riconosca un tasso d’interesse attivo sulle somme depositate. A volte, però, il tasso d’interesse riconosciuto viene azzerato dalle spese di gestione del conto.

Infine, possiamo anche tenere presente che alcune banche per attirare più clienti, propongono per un certo periodo un tasso d’interesse maggiore, ciò non è da sottovalutare. Si potrà usufruire dell’offerta in modo che per chi ha delle somme importanti da poter depositare per un tempo costante ottiene interessi maggiori.

Conto corrente o libretto bancario cointestato: quali sono le conseguenze? Ecco le novità

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.