Contributi volontari in un’unica soluzione per opzione donna: è possibile?

-
07/11/2019

I contributi volontari non possono essere versati in un’unica soluzione: ecco come funzionano.

Contributi volontari in un’unica soluzione per opzione donna: è possibile?

I contributi volontari sono utili per il perfezionamento del diritto e per la determinazione di tutte le pensioni dirette (vecchiaia, anzianità, assegno ordinario di invalidità e inabilità) e indirette (superstiti e reversibilità). Ma attenzione, per il versamento ci sono regole ben precise.

Contributi volontari in un’unica soluzione

Una nostra lettrice ci chiede:

 Ho 60 anni compiuti. La mia situazione contributiva è di 345 settimane come dipendente e 282 mesi nella gestione separata. Quindi 30 anni . Opzione donna sono 35 anni potrei pagare 5 anni di contributi volontari e fare la richiesta entro 2020? Grazie

Purtroppo non è così facile.

Innanzitutto per essere autorizzati al versamento dei contributi volontari bisogna aver cessato o interrotto l’attività lavorativa o, al limite lavorare part time.

In secondo luogo i contributi volontari non possono essere versati in un’unica soluzione ma vanno versati trimestralmente per il periodo in corso. Per versare, quindi, 5 anni di contributi occorrono all’incirca 5 anni di tempo e non può, quindi, riuscire a fare richiesta per l’opzione donna entro il 2020.

Alternativa nel suo caso per il pensionamento potrebbe essere la pensione anticipata contributiva a 64 anni di età con il computo in gestione separata che non le richiederebbe il versamento dei contributi volontari ma per la quale, purtroppo dovrebbe attendere ulteriori 4 anni. Per maggiori informazioni sulla misura e per vedere se vi rientra può leggere il seguente articolo: Pensione contributiva a 64 con computo gestione separata: ecco come