Controlli dal Fisco: ecco chi deve stare attento, la programmazione 2020 dell’Agenzia delle Entrate

-
13/12/2019

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la programmazione dei controlli per il 2020: ecco chi dovrà stare attento.

Controlli dal Fisco: ecco chi deve stare attento, la programmazione 2020 dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le linee guida per la programmazione 2020 che prevedono controlli a tappeto per tutti senza risparmiare nessuno; il controllo sarà eseguito anche sugli autonomi e professionisti che applicano il regime forfettario. 

Controlli dal Fisco: ecco per deve stare attento

Le linee guida per la programmazione 2020 dell’Agenzia delle Entrate, diffuse con un’anticipazione, dovrebbero puntare ad effettuare controlli su:

  • professionisti e autonomi che applicano il regime forfettario;
  • corrispettivi;
  • analisi di rischio sugli Isa;
  • contributi previdenziali e bonus Renzi;
  • spesometro;
  • agevolazioni ricerca e sviluppo;
  • Onlus e finte Onlus

L’Agenzia delle entrate procederà anche con i controlli sui conto correnti, analizziamo come difendersi.

Controlli fiscali su conto corrente

Il controllo dei conti correnti in base all’intestatario hanno una diversa modalità. Se l’intestatario è un imprenditore, vengono effettuati i controlli su tutte le operazioni:  versamenti,  bonifici e  prelievi che devono superare i 5 mila euro mensili o i mille euro al giorno. Per tutti gli altri contribuenti, l’Agenzia delle Entrate analizza solo i bonifici e i versamenti effettuati sul conto corrente, mentre i prelievi non vengono considerati e sono liberi. 

L’art. 32, comma 1, numero 2 del Dpr 600/1973 e Art. 51, comma 2, numero 2, del Dpr 633/1972, prevede che nel controllo effettuato dall’Agenzia delle Entrate siano riscontrati bonifici ricevute senza giusta motivazione, questi possono essere considerati redditi e sono frutto di evasione fiscale. 

Per approfondimenti su come l’Agenzia delle Entrate opera i controlli sui conto corrente, consigliamo di leggere: Conto corrente: come difendersi dai controlli del Fisco