Coronavirus: ecco quali sono le regole per chi riapre?

-
15/04/2020

Per chi riapre l’attività o per chi l’ha già riaperta è bene sapere che ci sono norme da rispettare per contenere i contagi. Ecco quali.

Coronavirus: ecco quali sono le regole per chi riapre?

L’ultimo decreto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha stabilito le attività che hanno potuto riaprire dal 14 aprile. Ne seguiranno altre nelle prossime settimane e proprio per questo è bene farsi trovare preparati nel rispettare le regole per poter riaprire.

Riapertura e norme da rispettare

Le misure, precise e rigorose, che devono rispettare i negozianti che riaprono la saracinesca del proprio esercizio sono contenute del decreto del 10 aprile. E’ bene conoscerle e rispettarla perchè il mancato rispetto potrebbe portare, oltre che all’incremento del contagio, alla chiusura provvisoria dell’attività commerciale (da 5 a 30 giorni e questa volta senza indennità).

Vediamo nello specifico le norme.

I negozi oltre al distanziamento delle persone deve garantire anche che gli ingressi nel locale avvengano in modalità scaglionata. Ai clienti deve essere impedito di sostare nel negozio più tempo del necessario.

Mentre la precedente norma è obbligatoria, quelle che seguono sono soltanto caldamente consigliate.

La distanza di sicurezza va mantenuta in tutte le fasi dell’attività.

L’ambiente deve essere pulito ed igenizzato almeno 2 volte al giorno (in base agli orari di apertura). I locali, inoltre, devono essere adeguatamente areati.

Devono essere messi a disposizione sistemi per disinfettare le mani e devono essere disponibili vicino a tastiere, schermi touch o altri sistemi di pagamento che possano essere stati toccati anche da clienti precedenti.

Per l’acquisto di bevande e alimenti è consigliato l’utilizzo dei guanti usa e getta. Nei luoghi chiusi, oltre al distanziamento è consigliato l’utilizzo di mascherine.

Gli accessi devono essere scaglionati, soprattutto in fase di apertura e chiusura. Per locali fino a 40 metri quadrati la possibilità di accesso è per una sola persona per volta. Per locali più grandi si procederà ad entrate scaglionate e si dovrà differenziare il percorso di entrata e di uscita.

I clienti in attesa, inoltre, dovrebbero essere debitamente informati delle norma che permettono di mantenere il distanziamento minimo.

Evitare strette di mani e abbracci, non toccarsi naso e bocca se prima non si è sicuri di aver ben disinfettato le mani, pulire spesso le superfici di uso comune, coprirsi naso e bocca quando si starnutisce, lavarsi spesso le mani.

Leggi anche:Coronavirus e riaperture a maggio: date per uscite, tribunali, bar, ristornati e parrucchieri