Coronavirus: ‘interruzione e rinvio delle udienze in seno alle Commissioni tributarie provinciali e regionali’

-
06/03/2020

Coronavirus, Associazioni Commercialisti chiedono “interruzione e rinvio delle udienze in seno alle Commissioni tributarie provinciali e regionali”

Coronavirus: ‘interruzione e rinvio delle udienze in seno alle Commissioni tributarie provinciali e regionali’

Si chiede inoltre la sospensione degli ulteriori termini processuali, oltre a quelli di impugnazione di atti tributari e amministrativi, quale ulteriore misura preventiva necessaria al contenimento dell’emergenza sanitaria in atto

Interruzione e rinvio delle udienze in seno alle Commissioni tributarie provinciali e regionali

“Interruzione e rinvio delle udienze in seno alle Commissioni tributarie provinciali e regionali, con l’eccezione delle udienze riguardanti misure cautelari, nonché la sospensione degli ulteriori termini processuali, oltre a quelli di impugnazione di atti tributari e amministrativi, quale ulteriore misura preventiva necessaria al contenimento dell’emergenza sanitaria in atto”.

È quanto chiedono – in una nota congiunta al Presidente del Consiglio e al Ministro dell’Economia – le Associazioni dei Commercialisti (ADC – AIDC – ANC – ANDOC – FIDDOC – SIC – UNAGRACO – UNGDCEC – UNICO) “alla luce delle recenti disposizioni emanate dal Governo, contenute nel DPCM del 4 marzo 2020 e in considerazione dell’esclusione da detti provvedimenti dell’attività svolta dalla giurisdizione tributaria”, “in considerazione del fatto che sul territorio nazionale si registrano molti rinvii delle udienze dovuti alla particolare situazione, e che di fatto si genera una anomala difformità di condotta rispetto al funzionamento generale della giustizia tributaria” e “vista la richiesta di alcune Commissioni tributarie, formulata alle parti di difesa processuali, circa la rinuncia alla pubblica discussione, che comporterebbe una lesione del diritto alla difesa”, conclude la nota.