Corsi di lingua all’estero con contributo per gli studenti

-
25/01/2018

È stato pubblicato il bando Contributo per la frequenza di corsi di lingua all’estero, tutte le novità INPS su come presentare la domanda.

Corsi di lingua all’estero con contributo per gli studenti

L’INPS pubblica il bando per i corsi di lingua all’Estero, con un contributo per gli studenti, analizziamo insieme tutte le novità.

L’INPS offre un contributo a parziale copertura delle spese, per fruire all’estero di un corso della lingua ufficiale del Paese ospitante, finalizzato a ottenere la certificazione del livello di conoscenza della lingua B2, C1, C2 secondo il Quadro Comune Europeo di riferimento – QCER (Common European Framework of Reference for languages – CEFR), rilasciato dai competenti Enti certificatori.

Contributo

La percentuale di rimborso per le spese sostenute per il corso, l’accomodation (vitto e alloggio) e il viaggio è stabilita in relazione al valore ISEE del nucleo familiare di appartenenza e viene calcolata sull’importo più basso tra la spesa effettiva e il tetto massimo rimborsabile.

Corsi di lingua all’estero: chi può fare domanda

La prestazione è destinata ai figli o orfani ed equiparati:

  • dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici;
  • degli iscritti alla Gestione Fondo IPOST.

L’accesso al bando è riservato a studenti che hanno almeno 16 anni e frequentano nell’anno scolastico 2017/2018 la classe seconda, terza, quarta o quinta di una scuola secondaria di secondo grado.

Per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso è necessario da parte del soggetto richiedente il possesso di un PIN dispositivo e dell’attestazione ISEE 2018, rilasciata dall’INPS previa presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica ( DSU) da parte del richiedente.

La domanda deve essere presentata esclusivamente, per via telematica, accedendo dalla home page del sito internet istituzionale www.inps.it, a decorrere dalle 12 del 1° gennaio 2018 e non oltre le 12 del 2 marzo 2018.

Leggi anche: Pensionamento del personale scuola 2018: l’INPS comunica predisposizione delle posizioni assicurative