Dal bonus bollette e baby sitter al reddito di emergenza, ancora per pochi giorni

-
27/07/2020

Ancora pochi giorni per aderire ai vari bonus in scadenza al 31 luglio 2020: Reddito di emergenza, bonus bollette e bonus baby sitter.

Dal bonus bollette e baby sitter al reddito di emergenza, ancora per pochi giorni

Bisogna stare attente alle scadenze dei vari incentivi, dal bonus bollette e baby sitter al reddito di emergenza, tutti entro il 31 luglio 2020. Il reddito di emergenza inizialmente in scadenza al 30 giugno è stato prorogato al 31 luglio 2020; questo significa che per fare domanda ci sono ancora pochi giorni. Sono almeno tre le scadenze dei bonus a fine mese, esaminiamole.

Dal Bonus bollette e bonus baby sytter al reddito di emergenza

Sono attualmente tre le misure di sostegno economico in scadenza a fine luglio: il reddito di emergenza (REM), i bonus bollette (luce, acqua e gas) e il bonus baby sitter. 

Bonus bollette (luce, gas e acqua)

In scadenza al 31 luglio anche i bonus bollette. La scadenza è slittata a luglio per la pandemia da coronavirus, la scadenza originale è 31 maggio di ogni anno. Il bonus bollette ha una validità di dodici mesi e prevede uno sconto sulle bollette dell’acqua, gas ed energia elettrica. Il bonus bollette è riservato alle famiglie con condizioni economiche disagiate con una soglia Isee di euro 8.265; per le famiglie con almeno quattro figli a carico con un Isee con superiore a 20mila euro. Il bonus è previsto anche se si percepisce il reddito di cittadinanza. 

Bonus baby sitter

Boom di domande per il bonus baby sitter, hanno superato la quota di 800mila. La sua estensione anche ai centri estivi ha reso maggiore accessibilità al bonus incrementando le richieste. Possono fruirne non solo i genitori ma anche quando a prestare il servizio siano i nonni conviventi, lo ha chiarito una recente circolare Inps. Il bonus baby sitter prevede un’indennità di 1.200 euro massimo per nucleo familiare. Il bonus baby sitter deve essere utilizzato in parte per i servizi baby sitting, in parte per servizi integrativi per l’infanzia nel periodo fino al 31 luglio. 


Leggi anche: Partite IVA, verso secondo acconto delle tasse anche a rate con l’ok dell’ISTAT 

Reddito di emergenza

Il Reddito di emergenza, ad oggi ha inatteso le aspettative, ci si aspettava molte più adesioni. Il Rem corrisponde a due mensilità pari a 400 euro per un nucleo di un solo componente con un  incremento di 160 euro per ulteriori componenti maggiorenni e 80 euro per i componenti minorenni. Il bonus non può superare il tetto massimo di 800 euro mensili, e se componenti disabili (con handicap grave)  il tetto massimo sale a 840 euro mensili.