Debutto Isee precompilato, facile e veloce, le ultime novità

-
07/10/2019

Debutto dell’Isee precompilato, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 4 ottobre 2019 il D.M. Lavoro del 9 agosto 2019, le novità.

Debutto Isee precompilato, facile e veloce, le ultime novità

Debutto dell’Isee precompilato, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 4 ottobre 2019 il D.M. Lavoro del 9 agosto 2019, che aggiunge un ulteriore tassello per l’inizio  dell’Isee precompilato. Il richiedente accederà alla dichiarazione sostitutiva unica ( DSU –  documento di base dal quale è elaborato l’Isee) tramite credenziali Inps (Pin dispositivo) o dell’Agenzia delle Entrate o identità Spid almeno di secondo livello.

In presenza di altri componenti del nucleo familiare si dovrà fornire ulteriori informazioni, su reddito e patrimonio, necessarie anche in riferimento al titolare della richiesta se sarà inoltrata tramite un Caf.

ISEE Università 2019: nuove regole per il nucleo familiare studente

Componenti della DSU autodichiarate e non precompilate

1. Ai fini della presentazione della DSU, restano autodichiarate dal dichiarante:

a) la composizione del nucleo familiare e le informazioni necessarie ai fini della determinazione del valore della scala di equivalenza;

b) l’indicazione di eventuali soggetti rilevanti ai fini del calcolo delle componenti aggiuntive dell’ISEE, nonché le informazioni di cui alle lettere successive del presente comma ad essi riferite;

c) la eventuale condizione di disabilita’ e non autosufficienza dei componenti il nucleo;


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro

d) l’identificazione della casa di abitazione del nucleo familiare;

e) il reddito complessivo, limitatamente ai casi di esonero dalla presentazione della dichiarazione ed assenza di certificazione unica trasmessa dai sostituti di imposta ovvero di sospensione degli adempimenti tributari a causa di eventi eccezionali;

f) le componenti reddituali, del regolamento ISEE;

i) l’importo degli assegni periodici effettivamente corrisposti;

l) l’ammontare dell’eventuale debito residuo per mutui contratti per l’acquisto dell’immobile o per la costruzione del fabbricato riferito alle componenti del patrimonio immobiliare;

m) le componenti del patrimonio immobiliare;

n) le componenti del patrimonio mobiliare;

p) gli autoveicoli, ovvero i motoveicoli di cilindrata di 500 cc e superiore, nonché’ le navi e imbarcazioni da diporto.

Reddito di cittadinanza: differenza fra valore mobiliare e immobiliare