Decreto Cura Italia: ecco le disposizioni in materia di lavoro

-
19/03/2020

Nel decreto Cura Italia le principali disposizioni di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza sanitaria COVID-19.

Decreto Cura Italia: ecco le disposizioni in materia di lavoro

A seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo 2020 del Decreto-legge Cura Italia, sono già in vigore le disposizioni che contengono una serie di misure di sostegno connesse all’emergenza coronavirus. Il decreto poggia su quattro punti fondamentali: potenziamento del SSN (artt.1-18); misure a sostegno del lavoro (artt.19-48); misure a sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario (artt. 49-59) e, infine, misure fiscali a sostegno della liquidità delle famiglie e delle imprese (artt. 60-71). Dai prossimi giorni nei nostri articoli esamineremo, un po’ più in dettaglio, le principali disposizioni di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza sanitaria COVID-19.

Il decreto Cura Italia e le misure in materia di lavoro

Elenchiamo alcune disposizioni previste nel Decreto cura Italia in materia di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza sanitaria coronavirus.

  • Incentivi per la produzione e la fornitura di dispositivi medici.
  • Misure straordinarie per la permanenza in servizio del personale sanitario.
  • Cassa integrazione in deroga.
  • Congedo parentale speciale per lavoratori dipendenti e per i lavoratori iscritti alla Gestione separata e per lavoratori autonomi iscritti all’INPS, con figli di età non superiore ai 12 anni.
  • Bonus per l’acquisto di servizi di baby sitting.
  • Estensione permessi retribuiti per assistere disabili.
  • Periodo di quarantena equiparato a malattia; così come il periodo di assenza equiparato a ricovero ospedaliero.
  • Indennità pari a 600 euro mensili per: 
    • liberi professionisti (titolari di partita IVA) e co.co.co. iscritti alla Gestione separata;
    • lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’AGO;
    • stagionali del turismo e degli stabilimenti termali; 
    • del settore agricolo.
  • In questi casi, l’indennità è erogata dall’INPS su domanda degli interessati.
    • Indennità lavoratori dello spettacolo.
  • Le indennità suddette non sono cumulabili tra loro e non spettano ai percettori di Reddito di cittadinanza.
  • Disoccupazione agricola:proroga del termine di presentazione delle domande per l’anno 2020.
  • Lavoro domestico: sospensione dei termini di pagamento dei contributi e dei premi assicurativi.
  • Lavoro agile per lavoratori disabili o lavoratori che assistono disabili.
  • Proroga scadenza versamenti.
  • Proroga scadenza versamenti: particolari soggetti, come 
  • Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi.
  • Premio lavoratori dipendenti che svolgono lavoro in sede pari a € 100.
  • Credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro.


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono

Leggi anche: Decreto ‘Cura Italia’: misure a tutela dei disabili e i loro Caregiver