Decreto Milleproroghe 2018 approvato il 25 luglio: ecco tutte le novità

-
30/07/2018

Decreto Milleproroghe 2018 entrato in vigore il 25 luglio ha apportato numerose novità: ecco in quali settori.

Decreto Milleproroghe 2018 approvato il 25 luglio: ecco tutte le novità

Il decreto Milleproroghe 2018 approvato il 25 luglio, e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale numero 172, è stato approvato dal Consiglio dei Ministri su proposta del presidente Giuseppe Conte. Con tale decreto si procede con le proroghe di termini previsti da disposizioni legislative.

Il decreto, precisamente, è entrato in vigore il 26 luglio e ha portato numerose novità che adesso andiamo a chiarire.

Le novità apportate riguardano diversi settori professionali sia giuridico, economico, scolastico e sanitario.

ISEE precompilato

È slittato al 2019 il cosiddetto ISEE precompilato ossia la sperimentazione del DSU precompilato come unica opzione per i cittadini. Questo doveva entrare in vigore ufficialmente il primo settembre 2018, ma è stato rimandato al prossimo anno.

Lo scambio dei dati inerenti tra l’INPS e Agenzia delle Entrate, quindi, sarà per il 2019. La data in cui avverrà, precisamente, l’entrata in vigore di questo provvedimento non è ancora nota.

Un’ulteriore novità nel Milleproroghe, che riguarda l’ISEE, è che a partire dal primo gennaio 2019, la DSU manterrà la sua valida fino al 31 agosto dello stesso anno. Successivamente per l’aggiornamento dei dati sui redditi e il patrimonio si prenderanno in considerazione i dati relativi all’anno precedente.milleproroghe 2018

Bonus cultura

Anche per quest’anno resterà in vigore il bonus 18 anni che è stato prorogato dal decreto ancora per un altro anno, nonostante pareri contrari all’iniziativa da parte del governo.

Chi compie 18 anni, quind,i nel 2018 potrà ancora utilizzare la 18app per richiedere il bonus cultura dell’importo di €500. Il bonus ha come scopo quello di promuovere la cultura soprattutto nei confronti dei giovani e quello di far scoprire il patrimonio culturale.  Per chi compirà 18 anni nel 2018, sono residenti in Italia e in possesso di un regolare permesso di soggiorno, potranno richiedere il bonus 18 che verrà erogato tramite una carta elettronica.

Milleproroghe 2018: salute e terremoti

È stato prorogato l’utilizzo delle risorse per finanziare il Servizio Sanitario Nazionale grazie alle quote premiali da destinare alle regioni virtuose. Ciò è stato proposto dalla Conferenza delle Regioni e province autonome in materia di risorse finanziarie per l’anno 2018.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Viene prorogato la scadenza per i soggetti che devono presentare la richiesta dell’ammontare dei danni subiti durante il sisma della Regione Abruzzo. Il 30 maggio 2019 è la scadenza per la realizzazione e la consegna delle opere per Università di Napoli nel 2019

Milleproroghe 2018: ed altri provvedimenti

Decreto Milleproroghe include anche altre novità che riguardano diversi settori in particolare nel articolo 6 del decreto riguarda la proroga delle graduatorie valide per insegnamento all’estero dei docenti italiani. Sono quindi valide le graduatorie attuali a cui si attingerà anche per il prossimo anno scolastico.

Per quanto riguarda, invece, l’economia è molto interessante la proroga per le Banche di Credito Cooperativo che fissa il termine dalla piena efficacia della Riforma di 180 giorni.

Mentre per quanto riguarda gli aspiranti avvocati decreto Milleproroghe non ha confermato la proroga del regime transitorio, che manteneva gli esami di stato invariato anche per quest’anno. Quindi la prova non potrà più essere svolta utilizzando i codici annotati come sembrava sicuro da alcune indiscrezioni.

Leggi Anche:

Decreto dignità dal sapore amaro, Nestlè non richiama i lavoratori

Spesometro 2018, le nuove scadenze nel decreto Dignità, tutte le novità