Decreto Rilancio: colf, braccianti e badanti il permesso sarà di 6 mesi

-
15/05/2020

Decreto Rilancio e regolarizzazione degli cittadini italiani e stranieri con permessi di soggiorno di sei mesi, le ultime novità.

Decreto Rilancio: colf, braccianti e badanti il permesso sarà di 6 mesi

Il nuovo decreto Rilancio, prevede anche la regolarizzazione di braccianti, badanti e colf: cittadini stranieri con permessi di soggiorno scaduti e cittadini italiani con un rapporto di lavoro irregolare. La nuova normativa prevede che possono essere sia datori di lavoro che lavoratori. 

Decreto Rilancio per colf, braccianti e badanti 

In riferimento ai cittadini stranieri, coloro che sono in possesso di n permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 possono fare richiesta di un permesso temporaneo di sei mesi. I lavoratori che nei sei mesi di permesso temporaneo, otterranno un contratto di lavoro, potranno convertire il permesso dei sei mesi in permesso per lavoratori. Nel caso di datore di lavoro questi deve presentare l’istanza di emersione del lavoratore, indicando la retribuzione che non può essere inferiore a quella del contratto collettivo di categoria e  la durata del contratto.

Il datore di lavoro, per ogni lavoratore deve pagare una somma pari a 400 euro più una somma aggiuntiva forfettaria a titolo contributivo, retributivo e fiscale. 

Decreto Rilancio: esclusi i condannati

I cittadini stranieri, devono aver fatto rilievi foto dattiloscopici prima dell’8 marzo 2020. Non saranno ammesse le istanze di datori di lavoro che negli ultimi cinque anni hanno subito condanne. Lo stesso vale per il lavoratore che ha subito condanne. 

Le istanze di emersione da parte del datore di lavoro e quelle per il rilascio del permesso temporaneo dovranno essere presentate dal 1° giugno al 15 luglio. 

Bonus a colf e badanti 

Previsto nel decreto Rilancio,  anche un bonus per colf e badanti di circa 400 euro al mese per due mesi a partire dal mese di aprile 2020. 


Leggi anche: Reddito di cittadinanza e bonus Inps autoimpiego: i requisiti

Secondo le stime il bonus 400 euro al mese è riconosciuto al lavoratore in base al rapporto di lavoro e all’orario contrattuale fissato con uno o più datori di lavoro e rapportato alle ore di effettivo lavoro a partire dal mese di aprile 2020. La somma che percepiranno per i contratti full time si aggirerebbe intorno a 400 euro, mentre per i contratti part – time la somma si aggirerebbe intorno ai 200 euro.

Per maggiori dettagli su questa misura consigliamo di leggere: Bonus 400 euro al mese per colf e badanti per due mesi, i requisiti