Decreto Semplificazioni 2019: lavoro, start up, imprese, costi salute e politica, tutte le novità

Ecco di seguito tutte le novità ed i contesti di applicazione del Decreto Semplificazioni del 2019, cos’è e cosa aspettarsi.

Il 16 ottobre scorso è stato approvato il Decreto Semplificazioni 2019 assieme alla nuova Manovra 2019 e Decreto fiscale 2019. Il Decreto Semplificazioni si occupa di tanti argomenti come il lavoro, la tutela della salute, cassa integrazione straordinaria e mobilità in deroga, oltre all’aiuto da dare a Genova. Scopriamolo nel dettaglio.

Che cos’è il Decreto Semplificazioni?

Si tratta di un disegno di legge che prevede delle facilitazioni in alcuni contesti ed è stato presentato dal nuovo Governo al Consiglio dei Ministri. Ecco i contesti in cui il Decreto Semplificazioni sarà presente.

Decreto Semplificazioni ed il lavoro

Nella fattispecie il Decreto Semplificazioni in materia di lavoro , sia dalla parte dei dipendenti che dalla parte delle imprese, prevede: abolizione del libro unico del lavoro e semplificazioni. In materia di semplificazioni le troveremo nel rapporto biennale del personale, in materia di impresa dello spettacolo, in deposito dei contratti collettivi, degli appalti e nella gestione separata. Inoltre, ci sarà una proroga CIGS per le imprese con più di 100 dipendenti con problemi occupazionali. La CIGS sarà concessa per un massimo di 12 mesi in caso si organizzazione e crisi dell’azienda. Proroga mobilità in deroga per 12 mesi a favore di lavoratori che hanno cessato o cessano la mobilità ordinaria o in deroga dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2018. Infine, riforma della governatrice dell’ANPAL.

Decreto Semplificazioni: imprese e start up

Ecco le principali novità in materia: semplificazioni per imprese agro-alimentari, riduzioni oneri per start up, PMI innovative e gli incubatori,riduzioni di oneri informativi e obblighi delle imprese,riduzione delle procedure per la costituzione di società di capitali, definizione dei registri distribuiti e sostegno con un fondo di venture e capital con cassa depositi e prestiti per investire nelle start up innovative e un fondo blockchain per utilizzare tale tecnologia a sostegno del Made in Italy. Seguono incentivi per l’utilizzo strumenti di notifica telematica, norma Bramini che impedisce il pignoramento della prima casa in caso di crediti con la PA. Nessuna disposizione atte a favorire la circolazione degli immobili donati, esenzione per le invenzioni dei ricercatori universitari e RC auto equa sul territorio.

Decreto Semplificazioni, salute e altre misure

Per la salute: transazioni con le aziende farmaceutiche per il ripiano della spesa farmaceutica, commissariamento delle regioni in piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario, istituzione della anagrafe nazionale vaccini e fondo per la riduzione delle liste di attesa.
Per i costi della politica: riduzioni nelle regioni a statuto ordinario, speciale e nelle province autonome con il calcolo contributivo dei vitalizi derivanti dal mandato elettivo regionale, segue il blocco del trasferimento dei fondi per vitalizi alle regioni che non ne prevedano l’abolizione.
Ulteriori disposizioni: per le ferrovie dello stato si autorizza la spesa di 40 milioni di euro per il 2018 e 600 milioni per il 2019. Fondo di garanzia FSC: al fondo di garanzia PMI sono assegnati 753 milioni di euro per il 2018. Fondi per Genova e missioni internazionali di pace.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.