Decurtazione reddito di cittadinanza, quali somme spendere entro fine mese?

-
18/07/2020

Quali sono le cifre da spendere entro la fine del mese per non vedersi decurtare il reddito di cittadinanza del mese successivo del 20%?

Decurtazione reddito di cittadinanza, quali somme spendere entro fine mese?

Con la pubblicazione del decreto attuativo entrano in vigore anche le decurtazioni del reddito di cittadinanza per chi non riesce a spendere tutto l’importo entro la fine del mese. La notizia desta non poca preoccupazione visto che per chi non spende interamente le cifre accreditate è prevista la decurtazione del 20% del reddito di cittadinanza del mese successivo. Cerchiamo di capire come funziona il taglio.

Decurtazione reddito di cittadinanza

Un lettore, preoccupato, scrive per chiedere:

Salve,adesso che è stato approvato il decreto legge sulla decurtazione delle somme non spese del reddito di cittadinanza,vorrei chiedere: prima della fine di luglio,bisogna spendere solo tutto l’accredito del mese di giugno,o anche le somme che erano presenti sulla carta prima dell’accredito del suddetto mese, frutto di risparmi accumulatosi dei mesi precedenti.Spero in una risposta precisa che purtroppo il mio CAF di riferimento non ha saputo darmi.Grazie .


Leggi anche: Superbonus 110%, scadenza sconto in fattura o cessione del credito prorogata al 31 marzo

Considerando che i primi controlli partiranno dalla fine di agosto (il decreto prende applicazione dal mese successivo a quello di pubblicazione e quindi i primi controlli verranno effettuati sui residui degli importi ricaricati a luglio), per tale data, dopo la nuova ricarica del 27 agosto, se sulla card ci saranno residui della ricarica del mese di luglio superiori agli 8 euro, il mese successivo saranno accreditati importi spettanti decurtati del 20%.

Ma anche i soldi risparmiati nei mesi precedenti vanno spesi perchè ogni 6 mesi sarà azzerato il credito presente sulla card lasciando soltanto l’importo spettante per il mese di riferimento.

Il consiglio che posso dare ai percettori di reddito di cittadinanza è di spendere a fine mese tutti gli importi residui in cose che, sappiamo, sicuramente serviranno come ad esempio scorte di prodotti non deperibili (pasta, passata di pomodoro, zucchero, farina ma anche alimenti in scatola come legumi in modo da avere una scorta anche per i mesi successivi).

Capisco che è importante tenere qualche euro da parte per le spese impreviste ma meglio è, a questo punto, prelevare tutto il prelevabile mensile e tenere quello da parte per ogni evenienza provvedendo alle necessita del mese effettuando i pagamenti con la carte del reddito di cittadinanza.


Potrebbe interessarti: Noleggio a lungo termine auto in crescita tra i privati: ecco come funziona e perché piace agli automobilisti

Per avere maggiori informazioni su come funzionerà la decurtazione del reddito di cittadinanza è possibile leggere l’articolo: Reddito di cittadinanza, arriva decurtazione del 20%: pubblicato decreto